Milano Updates: fra arte ed educazione: Ecco le immagini del debutto di The classroom, una ex scuola di Via Porpora

Nel cantiere di una villa unifamiliare – che dal 1972 al 2011 ha ospitato una Casa dei Bambini/Scuola Montessori di Milano –, all’incirca a metà di via Porpora, nasce il centro The Classroom, dedicato ad arte ed educazione. L’edificio, la cui superficie complessiva è di cinquecento metri quadrati, risulta ancora in via di riqualificazione, con […]


Nel cantiere di una villa unifamiliare – che dal 1972 al 2011 ha ospitato una Casa dei Bambini/Scuola Montessori di Milano –, all’incirca a metà di via Porpora, nasce il centro The Classroom, dedicato ad arte ed educazione. L’edificio, la cui superficie complessiva è di cinquecento metri quadrati, risulta ancora in via di riqualificazione, con un progetto di ristrutturazione di Lorenzo Bini / Binocle: ma nel piano interrato, lo spazio fondato da Paola Nicolin insieme a Giulia Mainetti e Giovanna Silva, troverà presto la propria dimensione; rimanendo al di sotto di un luogo che verrà adibito ad abitazione privata. Tra venerdì 8 e lunedì 19 aprile, The Classroom comincia a mettere alla prova gli artisti sul rapporto tra i loro percorsi sull’apprendimento e l’approccio all’insegnamento, attraverso metodologie, dinamiche e persino modalità di disposizione degli arredi che caratterizzano una classe di alunni. Di qualsiasi età. Il primo corso è stato affidato all’artista Adelita Husni-Bey ed è composto da tre momenti, da tre passaggi differenti: una mostra, un seminario e una conferenza pubblica suddivisi tra la sede di via Porpora, la Bocconi e la Triennale.

PARTE EDUCATIVA NELLO SPAZIO OPENSIDE DELL’UNIVERSITÀ BOCCONI
In sede espositiva, tra modelli educativi e pedagogia l’artista di adozione italiana descrive la propria classe ideale presentando in solaio un plastico (nuovo piano urbanistico, Cairo 2050) e il relativo filmato; e allestendo a scendere, verso il piano terra, disegni assieme a diversi lavori già svolti con differenti classi di studenti (ad esempio con i bambini dai sette agli undici anni dell’École Vitruve in Francia). L’ex edificio scolastico, nonostante le pareti scrostate e i pavimenti ancora da rivestirsi, si trasforma in un luogo ideale, progettuale, ma non utopico, tralasciando qualsiasi ambito correttivo o gerarchico, in nome della collaborazione. Ogni progetto, così come ogni aula deve, in primo luogo accogliere le sensibilità di chi la vive o la rivivrà, risalendo i numerosi punti di riferimento teorici, nozionistici dell’artista, come le Ecoles ouvertes francesi, la scuola moderna di Francesc Ferrer i Guàrdia in Spagna, Summerhill oppure la Copenhagen free university. Dopo questa parentesi espositiva effimera, sviluppata lungo i tre piani della villa di via Porpora, i lavori di Adelita Husni-Bey che si compongono anche di tavoli e sedie autoprodotte, attraverso materiali di cantiere, la parte educativa, di workshop verrà sviluppata nello spazio Openside dell’Università Bocconi, inserita nel programma di Bocconi Arts Campus e svolta in collaborazione con un team di studenti dell’università.

Ginevra Bria

​The Classroom
​Via Porpora , 81 – Milano
www.theclassroom.it

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.