Parlare di critica d’arte nei giorni della Biennale. Accade all’Isola di San Servolo, con il convegno Dicono dell’Arte 2015

Mentre a Venezia tutti gli operatori del settore dell’arte stanno piantando chiodi e spostando pannelli, nei preparativi per le mostre della Biennale che inaugureranno la prossima settimana, c’è qualcuno che ha trovato il tempo per fermarsi proponendo degli approfondimenti teorici sullo stato dell’arte. Quattro sono le chiavi di lettura che verranno proposte in questo ciclo […]

Isola di San Servolo
L'Isola di San Servolo

Mentre a Venezia tutti gli operatori del settore dell’arte stanno piantando chiodi e spostando pannelli, nei preparativi per le mostre della Biennale che inaugureranno la prossima settimana, c’è qualcuno che ha trovato il tempo per fermarsi proponendo degli approfondimenti teorici sullo stato dell’arte. Quattro sono le chiavi di lettura che verranno proposte in questo ciclo di incontri dal titolo Dicono dell’Arte 2015: la critica, i videogames, la musica e la competenza. Apparentemente slegati sul piano concettuale, questi quattro poli in realtà indagano l’Arte a 360 gradi.
Si parte nei giorni della Biennale dibattendo su cosa è e a cosa serve la critica, quella vera: l’8 maggio un convegno a cura dell’associazione culturale I Martedì Critici, che presenta anche il libro dedicato ai primi 5 anni degli stessi Martedì Critici; Assassin’s Creed e il videogame della storia dell’arte, di scena il 15 giugno; poi, dopo l’estate, si passa a parlare – il 24 ottobre – di come agisce il suono sulle immagini e quanto collabora la musica alla creazione di opere d’arte; infine, come si forma la competenza, il jobs acting in art di ultima generazione, tema dell’incontro del 14 novembre. In concomitanza con le conferenze vengono proposte mostre e performance che ne illustrino a livello “pratico” tutte le implicazioni. Sede degli appuntamenti, l’Isola di San Servolo.

– Chiara Casarin

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Casarin
Chiara Casarin è curatore d’arte contemporanea, membro del Comitato Scientifico delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, membro del Comitato scientifico della Biblioteca Internazionale La Vigna di Vicenza e componente della Commissione per il nuovo Bailo dei Musei Civici di Treviso. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bologna e Dottore di Ricerca in storia dell’arte contemporanea (Scuola Studi Avanzati, Venezia – École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi) dalla dissertazione ha pubblicato il saggio “L’autenticità nell’Arte Contemporanea” (ZeL Edizioni, Treviso 2015). Il suo percorso professionale coniuga la valorizzazione delle collezioni storiche con la ricerca sull’arte contemporanea e l’applicazione delle tecnologie digitali per la conservazione e la divulgazione del patrimonio storico artistico. È stata dal 2016 al 2020 Direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa. Ha condotto ricerche presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, ha lavorato presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.