Ingresso ai musei gratis? In Gran Bretagna si ripaga con i salatissimi biglietti alle mostre. Intanto il dibattito si riaccende in Francia: e in Italia? Ce li vedreste Uffizi e Colosseo gratis?

“L’ingresso gratuito ai musei? È attraente in linea di principio, ma estremamente costoso in pratica, e una vera follia nel contesto attuale”. Un tema che torna, periodicamente: stavolta accade in Francia, ed il dibattito stimola queste dichiarazioni a Le Figaro di Françoise Benhamou, una specialista in economia della cultura e dei media, fresca autrice del […]

Françoise Benhamou

L’ingresso gratuito ai musei? È attraente in linea di principio, ma estremamente costoso in pratica, e una vera follia nel contesto attuale”. Un tema che torna, periodicamente: stavolta accade in Francia, ed il dibattito stimola queste dichiarazioni a Le Figaro di Françoise Benhamou, una specialista in economia della cultura e dei media, fresca autrice del saggio Économie du patrimoine culturel. Quando si torna a discutere di musei gratuiti, l’esempio immediato è quello della Gran Bretagna, dove l’accesso alle collezioni permanenti è gratuito.
In realtà, i musei britannici sono compensati dal costo molto elevato degli ingressi alle mostre, circa 20 o 25 sterline”, precisa Benhamou. “Ma nella realtà inglese sono proprio le mostre che attirano il pubblico: e all’ingresso del museo, anche quando è libero, ci sono grandi urne dove i visitatori pagano il contributo che vogliono. Un modo per far capire che la cultura ha un costo”.
Qual è la soluzione, dunque? La studiosa ricorda il caso del Louvre Lens, che ha deciso di estendere l’ingresso gratuito ancora al 2014; e dei musei de la Ville de Paris, che grazie all’accesso gratuito alle collezioni permanenti dal 2001, hanno raddoppiato le presenze. “In generale, non possiamo dire che in Francia i musei siano costosi”, chiosa la saggista. “Anche i musei de la Ville de Paris potrebbero essere costretti a rivedere la politica della gratuità, a causa della crisi e dei tagli ai finanziamenti…”.
E in Italia? Come li vedreste gli Uffizi o il Colosseo gratis come la Tate? Tanto se tutti i biglietti – come qualcuno urla in questi giorni – vanno nelle mani dei gestori… Non sarà mica che in Italia non si può sperimentare la gratuità perché le società che governano le biglietterie fanno lobby?

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.