Artelibro scalda i motori. L’edizione numero dieci parte in anticipo con una mostra su grafica editoriale e dischi d’artista

Si avvicina l’appuntamento numero 10 con Artelibro, il Festival del Libro d’Arte che si svolge a Palazzo Re Enzo e Palazzo del Podestà a Bologna. Quest’anno, sarà per il decennale, ma la manovra di avvicinamento è particolarmente interessante e variegata. Inaugura così venerdì 6 settembre la mostra Buona la prima! curata da Stefano Salis. Il quale […]

Si avvicina l’appuntamento numero 10 con Artelibro, il Festival del Libro d’Arte che si svolge a Palazzo Re Enzo e Palazzo del Podestà a Bologna. Quest’anno, sarà per il decennale, ma la manovra di avvicinamento è particolarmente interessante e variegata. Inaugura così venerdì 6 settembre la mostra Buona la prima! curata da Stefano Salis. Il quale ha chiamato personaggi del calibro di Marzia Corraini e Marco Belpoliti per scegliere venti copertine di libri italiani pubblicati negli ultimi 12 mesi. Ne è emerso un panorama particolarmente ricco per quanto concerne la grafica nostrana, da sempre eccellenza internazionale. E lo potete verificare scorrendo la galleria qui sotto. Due sole annotazioni: per quanto riguarda la collana Ragazzi di BUR, la scelta è ricaduta sul progetto per l’appunto di collana; mentre se il conto non vi torna, è perché la copertina di Tennis di John McPhee (Adelphi) ha ricevuto una doppia nomination. Vincendo così un improvvisato “premio della critica”.
Tornando ai prodromi di Artelibro, appuntamento seguente mercoledì 11 settembre con l’inaugurazione, alla Biblioteca Universitaria, della mostra curata da Giorgio Maffei e dedicata a 130 dischi d’artista realizzati fra 1960 e 1990, con nomi quali Vito Acconci, Dan Graham e Dieter Roth. Per arrivare infine alle giornate clou del 19-22 settembre, con la consueta marea montante di incontri, mostre, lezioni magistrali e quant’altro.

– Marco Enrico Giacomelli

www.artelibro.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, la Libera Università di Bolzano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.