Lo Strillone: l’epopea del nudo, con pruderie Belle Époque, al Museo della Fotografia di Berlino e su Quotidiano Nazionale. E poi Salgado all’Ara Pacis, il blocco dello scrittore di Dan Brown, l’estetica darwinista di Menninghaus…

Ci ha provato persino il Kaiser a metterle al bando, ma la vox populi lo indusse a più miti consigli: spopolavano nella Germania di inizio Novecento le fotografie di nudi integrali, pornografia ante litteram mascherata da vaghi interessi etnografici. Ricco il catalogo in mostra al Museo della Fotografia di Berlino e su Quotidiano Nazionale. Una […]

Quotidiani
Quotidiani

Ci ha provato persino il Kaiser a metterle al bando, ma la vox populi lo indusse a più miti consigli: spopolavano nella Germania di inizio Novecento le fotografie di nudi integrali, pornografia ante litteram mascherata da vaghi interessi etnografici. Ricco il catalogo in mostra al Museo della Fotografia di Berlino e su Quotidiano Nazionale. Una ricetta contro il blocco dello scrittore? Appendersi a testa in giù! Così Dan Brown su La Repubblica, nei giorni che anticipano l’uscita del suo Inferno.

C’è lo zampino di Darwin anche nella maturazione del senso del bello: l’evoluzionismo di Winfried Menninghaus conquista il Premio Internazionale d’Estetica e l’attenzione di Corriere della Sera. Immagini e suggestioni dal cimitero ebraico di Ferrara per Tomaso Montanari, che ogni lunedì parla d’arte e cultura ai più piccoli dalle colonne de Il Fatto Quotidiano.

Mostre su La Stampa: Sebastiao Salgado pronto a inaugurare all’Ara Pacis, alla Fondazione Merz va in scena l’inedito dialogo tra Elisabetta Benassi e le opere di Mario Merz. A Venaria retrospettiva su Mattia Preti, sospeso tra Caravaggio e Luca Giordano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.