Lo Strillone: Pisapia patrocina la mostra dei cadaveri plastinati, anzi no, la censura, su Quotidiano Nazionale. E poi cantieri veneziani, Ornaghi assente, tutti pazzi per Alighiero Boetti…

Tomaso Montanari torna alla carica sui cantieri veneziani: dopo la torre di Marghera griffata Cardin è la volta, su il Fatto Quotidiano, dell’Hotel Santa Chiara: raddoppio di cubatura proprio davanti al ponte di Calatrava, vista Canal Grande. E a firmare il progetto Antonio Gatto, che in veste di presidente dell’Ordine degli Architetti è esponente della […]

Quotidiani
Quotidiani

Tomaso Montanari torna alla carica sui cantieri veneziani: dopo la torre di Marghera griffata Cardin è la volta, su il Fatto Quotidiano, dell’Hotel Santa Chiara: raddoppio di cubatura proprio davanti al ponte di Calatrava, vista Canal Grande. E a firmare il progetto Antonio Gatto, che in veste di presidente dell’Ordine degli Architetti è esponente della Commissione di Salvaguardia. Il controllore che si controlla da solo… Polemiche anche su Quotidiano Nazionale: inaugura alla Fabbrica del Vapore Body Worlds e la giunta Pisapia prima patrocina poi censura i cadaveri plastinati campioni di incassi nel mondo. Via feti e neonati: e vissero tutti felici e contenti.

Sai che ti dico? Io la mostra me la faccio in casa, anzi: in studio! Bonelli-Erede-Pappalardo, principi del foro romano (inteso come tribunale) e attenti collezionisti ospitano nei propri uffici le immagini di Andrea Jemolo: su L’Unità ampio spazio al progetto. Perché pagare un critico quando ci si può dare al fai da te? Su Pubblico Giornale le recensioni arrivano dai lettori: oggi tocca al Vermeer romano.

L’assenza di Ornaghi alla presentazione della Giornata del Contemporaneo irrompe su La Repubblica; Kassel, Londra, New York: tutti pazzi per Alighiero Boetti, con omaggi da dOCUMENTA alla Tate. E, su La Stampa, la corrispondenza di Luca Cerizza dal MoMA.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.