Lo Strillone: Adel Abdessemed e la statua che evoca la zuccata di Zidane a Materazzi su La Repubblica. E poi la Gioconda di San Pietroburgo, Vermeer alle Scuderie, Realismo magico al Vittoriano…

La Stampa torna sulla presunta Gioconda di San Pietroburgo, portando in una breve il contributo di Silvano Vinceti: la mano potrebbe essere quella di Leonardo. Adel Abdessemed merita il richiamo in prima su La Repubblica: firma la statua che evoca la zuccata di Zidane a Materazzi e la piazza al Pompidou. Ancora su La Repubblica: […]

Quotidiani
Quotidiani

La Stampa torna sulla presunta Gioconda di San Pietroburgo, portando in una breve il contributo di Silvano Vinceti: la mano potrebbe essere quella di Leonardo. Adel Abdessemed merita il richiamo in prima su La Repubblica: firma la statua che evoca la zuccata di Zidane a Materazzi e la piazza al Pompidou.

Ancora su La Repubblica: il MoMA rinuncia al giorno di chiusura per fronteggiare l’assalto dei visitatori, mentre Vermeer alle Scuderie del Quirinale conquista una doppia pagina. Medesimo trattamento, per il maestro fiammingo, su Corriere della Sera: a via Solferino consigliano pure un giro a Parigi per la mostra dedicata alla Bohéme (intesa in senso lato), mentre Pietro Citati si indigna per le transumanze di turisti cafoni in visita alla Cappella Sistina.

I panda di Pruitt letti da Orio Vergani per Quotidiano Nazionale, che racconta il design dell’acqua in mostra a Bologna. Realismo magico da arredamento al Vittoriano e su Il Fatto Quotidiano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.