Alla conquista della Bassa. Milano sta stretta al grande vecchio Enzo Cannaviello: e lui apre una galleria a Cremona. Debutto a ottobre con Bernd Zimmer

“Ho scelto Cremona perché quasi priva di informazioni sull’arte contemporanea, pur essendo una città importante della cosiddetta ‘Padania’. Una città di turismo raffinato e colto: è ora che le nuove esperienze estetiche si diffondano nel territorio…”. Milano non basta più. Enzo Cannaviello delocalizza, aprendo una nuova galleria a Cremona. Si chiamerà Interno 18, ed avrà […]

Bernd Zimmer - Weiher

Ho scelto Cremona perché quasi priva di informazioni sull’arte contemporanea, pur essendo una città importante della cosiddetta ‘Padania’. Una città di turismo raffinato e colto: è ora che le nuove esperienze estetiche si diffondano nel territorio…”. Milano non basta più. Enzo Cannaviello delocalizza, aprendo una nuova galleria a Cremona. Si chiamerà Interno 18, ed avrà appunto la direzione artistica di Cannaviello, e la gestione di Luca Cigola e Francesca Rizzardi.
Insieme ai due giovani professionisti cremonesi, il gallerista metterá a punto una stagione 2012/2013 con mostre dedicate ad autori sperimentali che operano principalmente con mezzi espressivi tradizionali, principalmente pittura. Per l’apertura – il 18 ottobre – la scelta è di livello internazionale, una mostra di Bernd Zimmer con 12 tele di piccolo e medio formato realizzate tra il 2008 e il 2012, una selezione che fa da pendant alla personale dello stesso autore in programma allo Studio d’Arte Cannaviello di Milano dal 20 settembre. L’obbiettivo della nuova galleria? Inserirsi nel tessuto locale, in una città di provincia il cui meltin’ pot è garantito dalle centinaia di botteghe liutarie presenti, con proposte che contribuiscano a riattivare il tessuto culturale cittadino, e nel contempo diventare un punto di riferimento nazionale.

– Silvia Scaravaggi

Inaugurazione: giovedì 18 ottobre 2012 – ore 18.00
Via Beltrami 18 – Cremona
www.cannaviello.net


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Operatrice culturale e curatrice indipendente. Si è laureata con Sandra Lischi all'Università di Pisa in Teoria e tecniche dei mezzi di comunicazione audiovisiva; ha approfondito lo studio dei nuovi media durante il Socrates all’Universiteit van Amsterdam. Ha collaborato con Aiace Milano alla realizzazione di alcune edizioni di Invideo - mostra internazionale di video e cinema oltre, e di Technè05 - viaggio nel mondo delle videoinstallazioni. Dal 2005 al 2015 ha lavorato al'Assessorato alla Cultura della Provincia di Cremona, principalmente per la realizzazione del Distretto Culturale, con Fondazione Cariplo, collaborando alle fasi di progettazione, gestione e rendicontazione di progetto. È referente dell’Ufficio Attività culturali del Comune di Crema e coordina il progetto #ccsacontemporaneo dedicato agli artisti under35. La sua ricerca si concentra prevalentemente su arte e politica, nuovi media e rapporto tra arte, scienza e nuove tecnologie. Dal 2005 scrive d’arte e firma per Artribune, digicult.it e precedentemente Exibart.