Lo Strillone: lo Sgarbi furioso per la vendita del Cristo del Romanino su Il Giornale. E poi Camera degli Sposi chiusa causa sisma, disastro Palazzo Reale di Napoli, Betlemme nell’Unesco…

C’è un terremoto che non si vede. È quello nelle aree limitrofe all’Emilia epicentro dello sciame sismico: La Repubblica è a Mantova per raccontare la chiusura sine die della Camera degli Sposi ed un turismo culturale messo in ginocchio. Intercettato da Quotidiano Nazionale Vittorio Sgarbi non si trattiene: l’abbattimento programmato dei ruderi del campanile di […]

Quotidiani
Quotidiani

C’è un terremoto che non si vede. È quello nelle aree limitrofe all’Emilia epicentro dello sciame sismico: La Repubblica è a Mantova per raccontare la chiusura sine die della Camera degli Sposi ed un turismo culturale messo in ginocchio.

Intercettato da Quotidiano Nazionale Vittorio Sgarbi non si trattiene: l’abbattimento programmato dei ruderi del campanile di Poggio Renatico lo fa dare fuori di matto. Almeno quanto la vicenda del Romanino all’asta a New York: il nostro firma per Il Giornale un pezzo livoroso, con strali contro il tradimento del vincolo di permanenza dell’opera sul suolo patrio.

Inchiesta di Corriere della Sera (e ripresa su Italia Oggi) con il disastro del Palazzo Reale di Napoli, conciato che peggio non si può; su La Stampa le scenografie e i bozzetti di Aldo Rossi in mostra a Venezia alla Fondazione Vedova. Europa spinge per inserire nel patrimonio Unesco anche Betlemme; che sfonda pure su Avvenire: scovate le prove archeologiche per accertare la sua esistenza già nel IX secolo a.C.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.