Bid for Build, ovvero un’asta per ricostruire. Per i terremotati in Emilia Romagna in campo anche la fotografia, con Sotheby’s Galleria Civica di Modena e Fondazione Fotografia

91 artisti da tutto il mondo, ed alcune importanti gallerie internazionali, che hanno donato una o più opere, in grandissima parte fotografie, tra le quali numerose opere uniche e vintage print. In un momento in cui un po’ tutto l’artworld si mobilita in soccorso alle popolazioni colpite dal sisma, anche la fotografia si mette in […]

Luigi Ghirri, Contarina, verso la foce del Po, 1998, courtesy Eredi Ghirri

91 artisti da tutto il mondo, ed alcune importanti gallerie internazionali, che hanno donato una o più opere, in grandissima parte fotografie, tra le quali numerose opere uniche e vintage print. In un momento in cui un po’ tutto l’artworld si mobilita in soccorso alle popolazioni colpite dal sisma, anche la fotografia si mette in luce programmando un suo evento benefico specifico. Si tratta di Bid for Build, un’asta organizzata dalla Fondazione Fotografia-Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ela Galleria Civica di Modena ed in programma mercoledì 27 giugno presso l’ex Ospedale Sant’Agostino di Modena.
Partner del progetto è Sotheby’s, che rinuncerà a tutte le commissioni, e non saranno richiesti prezzi di riserva (eccetto uno o due lotti protetti). Il ricavato sarà utilizzato per la ricostruzione di scuole e del patrimonio artistico. Lungo l’elenco degli artisti generosamente presenti, dai Fratelli Alinari a Gabriele Basilico, Luca Campigotto, Mario Cresci, Eva Frapiccini, Franco Fontana, Luigi Ghirri, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Nino Migliori, Nobuyoshi Araki,Cao Fei, Hiroshi Sugimoto, Guy Tillim.

www.fondazionefotografia.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.

1 COMMENT

Comments are closed.