Dio-Hirst alla Tate Modern. Mentre fervono i preparativi per la retrospettiva londinese, arriva l’applicazione in realtà aumentata che “celebra” l’artista inglese

“La realtà aumentata è la street art del 21esimo secolo!”. Così scrive sul suo sito Tamiko Thiel, artista specializzato in applicazioni per dispositivi mobili che permettono di inserire la sua arte in qualsiasi luogo (virtualmente, s’intende). Dopo Wall Street, la Biennale di Venezia e il Louvre, Thiel stavolta prende di mira la Tate Modern di […]

La realtà aumentata è la street art del 21esimo secolo!”. Così scrive sul suo sito Tamiko Thiel, artista specializzato in applicazioni per dispositivi mobili che permettono di inserire la sua arte in qualsiasi luogo (virtualmente, s’intende). Dopo Wall Street, la Biennale di Venezia e il Louvre, Thiel stavolta prende di mira la Tate Modern di Londra, che tra pochi giorni inaugurerà una vasta retrospettiva dedicata all’artista inglese per antonomasia: Damien Hirst.
Per “celebrarlo”, ma ironizzando parecchio sulla sua estetica e su un certo genere di venerazione che gli è stata tributata negli anni, Thiel lo ha rappresentato in versione dio/santo, circondato da un’aura di luce dorata e da una cascata di monete. Il volto è impreziosito dagli ormai caratteristici occhiali da sole blu, mentre il corpo è in versione “scuoiata” come molte delle sue sculture.
L’icona sacra di Damien, che fa anche un po’ pensare all’Uomo vitruviano, può essere visualizzata soltanto sul posto (dunque fuori o dentro la Tate) utilizzando uno smartphone con installata una specifica applicazione (Layar).

– Valentina Tanni

www.allhaildamienhirst.com


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.