Arte e moda. Vuitton apre una boutique a Miami e chiede a Vik Muniz di reinterpretare il mitico monogram. Mentre a Londra sostiene la giovane arte…

Prosegue la liason tra la mitica casa di moda francese Louis Vuitton e l’arte contemporanea. Dopo il successo delle borse firmate da Takashi Murakami, è la volta del brasiliano Vik Muniz, che in occasione dell’apertura a Miami di un nuovo store Vuitton, ha realizzato una grande e coloratissima scultura in legno composta da una pila […]

L'opera di Vik Muniz - Photo by Seth Browarnik/WorldRedEye.com

Prosegue la liason tra la mitica casa di moda francese Louis Vuitton e l’arte contemporanea. Dopo il successo delle borse firmate da Takashi Murakami, è la volta del brasiliano Vik Muniz, che in occasione dell’apertura a Miami di un nuovo store Vuitton, ha realizzato una grande e coloratissima scultura in legno composta da una pila di monogram tridimensionali. I disegni che coprono l’opera sono stati realizzati in collaborazione con gli studenti dell’associazione non profit brasiliana Spectaculu che si occupa del recupero di giovani a rischio con corsi di arte, design e fotografia.
Ma non è finita qui. La maison francese, che lo scorso anno ha dato vita al programma triennale di formazione Young Arts Project, con lo scopo di introdurre i giovani londinesi al mondo dell’arte contemporanea (in partnership con la Hayward Gallery, la Royal Academy of Arts, la South London Gallery, la Tate Britain e la Whitechapel Gallery), ha da poco lanciato il sito REcreative, una piattaforma online sull’arte concepita e realizzata dagli studenti che hanno preso parte all’iniziativa.

www.louisvuittonyoungartsproject.com
www.recreativeuk.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.