Non lo sa nessuno ma anche Ostia ha il suo piccolo Maxxi. È pure quasi finito ed ha già un nome

Comprendiamo che sia dura da credere, ma il cantiere, ufficialmente è un project financing (opera pubblica costruita con soldi privati che poi si ripagano con la gestione della stessa) che punta alla edificazione di uno “spazio espositivo per l’arte moderna e contemporanea” nel pieno cuore di Ostia, il lido di Roma. Un centro d’arte contemporanea […]

L’esterno del progetto dell’Ex de po’

Comprendiamo che sia dura da credere, ma il cantiere, ufficialmente è un project financing (opera pubblica costruita con soldi privati che poi si ripagano con la gestione della stessa) che punta alla edificazione di uno “spazio espositivo per l’arte moderna e contemporanea” nel pieno cuore di Ostia, il lido di Roma. Un centro d’arte contemporanea ad Ostia? Ebbene sì. Tutti da vedere, come accade in questi casi, i contenuti.
La nuova architettura, firmata dallo sfizioso studio Structura, doveva essere consegnata già alcuni anni fa, poi nel lotto in questione, una ex rimessa di autobus pubblici, è stato trovato tanto inquinamento e l’area ha dovuto subire pesanti bonifiche. Arriviamo a questi mesi ed alle fluide volute del tetto che stanno decisamente prendendo forma. L’area, affacciata su Corso Duca di Genova, comprenderà parcheggi, negozi, bookshop e poi 400 mq di area espositiva oltre che la disponibilità, sempre per eventi d’arte, della piazza al primo piano, semicoperta.
L’appalto è in capo all’assessorato all’Urbanistica, ma sarà – immaginiamo – l’assessorato alla Cultura a doversi far sotto, ora che ci si avvia al completamento del manufatto, per reclamare quanto gli compete e proporre un modello di gestione. Affidare i 400mq a qualche associazione locale di Ostia beach? Pubblicare un bando? Affidare la gestione degli spazi al Macro facendone la sede litoranea?
L’importante sarà fare una qualche scelta, altrimenti gli spazi destinati a mostre potrebbero venire – come accade in questi casi – fagocitati dalle certamente più redditizie aree commerciali e affittati come tali. Intanto il centro – che una volta finito sarà costato 8 milioni di euro – ha già il suo nome Ex de po’ (essendo un ex deposito di bus, giustappunto) ed il suo logo. Ma quest’ultimo lo riveleremo più in là…

www.structura.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.