Nessun Ordine nel primo numero di No Order, rivista diretta da Marco Scotini presentata a Milano

Dopo il numero zero, la nuova rivista d’arte No Order. Art in a Post-Fordist Society presenta al pubblico il suo primo numero ufficiale. A introdurre la pubblicazione a Milano, in Triennale, nella sala Lab, arrivano il direttore Marco Scotini, Rossella Biscotti, Sylvère Lotringer e Christian Marazzi. Scotini descrive No Order come una nuova edizione capace […]

Dopo il numero zero, la nuova rivista d’arte No Order. Art in a Post-Fordist Society presenta al pubblico il suo primo numero ufficiale. A introdurre la pubblicazione a Milano, in Triennale, nella sala Lab, arrivano il direttore Marco Scotini, Rossella Biscotti, Sylvère Lotringer e Christian Marazzi. Scotini descrive No Order come una nuova edizione capace di competere con le maggiori riviste del settore dell’arte e della critica, ma la rivista sottopone al lettore un muro di interventi per quasi quattrocento pagine. Sebbene la pubblicazione sia definibile come “un progetto editoriale di ricerca e investigazione rivolto al rapporto tra sistema dell’arte contemporaneo e modalità produttive del capitalismo contemporaneo” il fiume di saggi e di interventi è da manuale (giochi di parole permettendo).

Chiunque sfogli No Order si trova tra le mani una raccolta di interventi di grafica ed ermeneutica del contemporaneo di livello ricercato (vedi Alexei Penzin e il testo di Nelly Richard). Nonostante il formato ieratico, non sempre il valore e l’interesse dei contributi di No Order riesce a mantenere l’attenzione di chi legge i testi in italiano. Tre le sezioni (Time Zone/Play Time/Time Machine), con scorci di stringente attualità come il saggio di Vasif Kortun, curatore del padiglione UAE in Biennale.

Ginevra Bria

www.archivebooks.org


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.

3 COMMENTS

  1. Comprensibile che ci siano ad ora zero commenti a questa notizia… Scotini, già dal suo aspetto, (sempre in nero, compresi i guanti di pelle) mette un po’ a disagio. Attardato mandarino di quel modus politicus un tempo detto dell’autonomia operaia, da anni si costruisce una piccola nicchia di potere culturale. Ma non come, mettiamo, i redattori di October: senza quell’intelligenza creativa, sensibilità e (spesso anche se non sempre) autocritica che ne stemperino l’arroganza. Il suo piano d’azione (ma certo, S. non è l’unico) è un simulacro di teoria politica continuata con altri mezzi (arte, artisti). Ogni altro piano viene disprezzato. In altre parole, un’altro esempio della attuale fortuna del Discorso; un Discorso che impietosamente divora ogni alterità (ontologicamente parlando) sul suo cammino.

  2. Kilgore Trout sapresti allora indicarmi un altro progetto editoriale nel triste, provinciale (e scarsamente preparato) panorama italiano – in cui le evidenti asimmetrie tra potere e competenze hanno ormai raggiunto livelli non più sopportabili? Una rivista o una qualsiasi pubblicazione che abbia affrontato con la stessa eccedenza, intuizione e rigore scientifico queste tematiche? E con una prospettiva di indagine critico-teorica e di ricerca internazionale oggi? Sono stata in Triennale a questa presentazione e non mi riconosco nella tua affermazione. Quindi? Suggerisci, per favore, una pubblicazione italiana di altrettanto valore che possa finalmente inaugurare un discorso radicalmente nuovo e riconoscibile nel dibattito internazionale.

Comments are closed.