Il Tevere di Iginio De Luca è torbido e caotico. Dalle acque emergono scarti, rifiuti e oggetti smarriti “affogati in un naufragio all’inizio privato e poi pubblico” spiega l’artista, vincitore del bando Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere.

IL TEVERE DI IGINIO DE LUCA

Dopo aver tappezzato la Capitale con 15 maxi manifesti – fintamente pubblicitari – raffiguranti un Tevere dalle nuances tetre e drammatiche, De Luca presenta il video del progetto Tevere Expo. “Le reliquie urbane riemergono da un singolare girone dantesco” così parla De Luca. “Sono testimonianze industriali e domestiche di un quotidiano rinnegato che, dopo anni di apnea, varcano il limite, rompono il confine dell’acqua per quello dell’aria. I manifesti sono uno specchio etico, un pretesto simbolico ed estetico a valenza universale per riflettere e riflettersi”.

LA MOSTRA PERSONALE AL MUSEO MACA DI FROSINONE

Il video sintetizza il progetto prodotto nell’aprile del 2021 e sarà possibile vederlo, assieme ad altri lavori, in occasione della mostra personale dell’artista che avrà luogo al Museo MACA di Frosinone, dal 25 febbraio al primo aprile 2022.

 

Dati correlati
AutoreIginio De Luca
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.