Lo stesso Luchino Visconti, che lo scelse come protagonista del suo capolavoro Morte a Venezia, lo definì “il più bel ragazzo del mondo” e questo appellativo decretò la condanna de l’enfant prodige svedese Björn Andrésen. Del resto il regista girò l’Europa in lungo e in largo per quattro anni, tra Polonia, Ungheria, Finlandia e Svezia, alla ricerca del viso “perfetto” a incarnare il personaggio descritto da Thomas Mann nel suo romanzo La Morte a Venezia, da cui il film è tratto.

A 50 anni dal debutto della pellicola, i registi Kristina Lindström e Kristian Petri con “Il Ragazzo Più bello del Mondo” ripercorrono la storia che ha portato l’allora quindicenne attore a ricoprire il ruolo di Tadzio e a divenire una star internazionale. Questo sarà l’inizio di un’adolescenza complessa tra Londra, Cannes, Venezia e perfino il Giappone: il documentario, presentato in anteprima italiana alla 57° Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, è l’occasione per Andrésen di raccontare la sua vita in maniera intima e diretta, senza intermediari.

Il film, di cui vi proponiamo il trailer, sarà visibile nelle sale italiane il 13 settembre, distribuito da Wanted Cinema.

Dati correlati
Generecinema
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Pisa
Vive a Roma dove si è laureata in Scienze politiche e Relazioni internazionali. Da sempre si occupa di cultura e comunicazione digitale. Dal 2015 è pubblicista e per Artribune segue le attività social.