Come viene percepita la realtà? Come si modifica la verità soggettiva? Chi sta raccontando cosa? Questi sono solo alcuni dei quesiti che emergono dalla nuova personale di Andrea Mastrovito (Bergamo, 1978), in corso negli spazi della Galleria Michela Rizzo di Venezia fino al 26 maggio.
Curata da Alberto Fiz, la mostra mette al centro dell’attenzione il disegno, usando questa tecnica antica in modo in modo innovativo; non come surrogato della pittura, ma come mezzo per influenzare, e stravolgere, il processo visivo. Attraverso una serie di rielaborazioni e interpretazioni, il disegno viene esplorato come copia, traccia, impronta, metamorfosi, negazione e assenza. La diseducazione al reale, questo il titolo del progetto espositivo, si pone come un percorso d’indagine in un contesto che unisce le tradizionali modalità dell’artista con le sperimentazioni più recenti. Ne emerge, come spiega il curatore: “una presa di coscienza rispetto a un reale che esce di senno e sfugge a ogni definizione, in una progressiva integrazione di elementi, solo in apparenza antitetici”.

Video a cura di Yanzi Creative

Evento correlato
Nome eventoAndrea Mastrovito - La Diseducazione al Reale
Vernissage06/04/2021 no
Duratadal 06/04/2021 al 26/05/2021
AutoreAndrea Mastrovito
CuratoreAlberto Fiz
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MICHELA RIZZO - EX BIRRERIA GIUDECCA
IndirizzoIsola della Giudecca 800Q 30133 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.