Il rapporto con il corpo è uno dei tabù per definizione della cultura occidentale. Seppur da una parte esso è esposto con estrema disinvoltura sullo schermo televisivo e sui canali web, dall’altra nasconde ancora dubbi e incertezze spesso difficili da esternare: imbarazzi, preoccupazioni e conflitti interiori, risultato di una società incapace di affrontare i temi della sessualità e dell’immagine corporea con disinvoltura, a partire dalla prima educazione scolastica.
Retaggi culturali passati, moralismi e falsi ideali di bellezza basati sul concetto di perfezione, influenzano ancora oggi l’immagine che abbiamo di noi stessi, facendo emergere sentimenti di insoddisfazione e incompiutezza che ostacolano la nostra felicità. Il corpo diventa, in questo modo, luogo del danno: un nemico che spesso sfugge a ogni sensazione di self-confidence e piacere.

IL VIDEO DI ANNA GINSBURG

Prova a soffermarsi sulla questione l’artista britannica Anna Ginsburg, autrice di un nuovo, coloratissimo, corto animato dedicato al tema del corpo femminile. Prodotto per l’associazione benefica Breast Cancer Now, il video – dal titolo A Love/Hate Relationship – è una lunga sequenza di immagini di donne “in lotta” con il proprio seno. Una parata di scene caleidoscopiche e ritmate che invita ad avere cura del proprio corpo, a partire dalla prevenzione.

Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.