Preferisce le storie che finiscono bene o quelle che finiscono un po’… insomma”, chiede la bambina timidamente. E Gianni Rodari risponde senza esitazione: “preferisco quelle che non finiscono. Così quelli che leggono possono farle finire come vogliono loro. Preferisco le storie che finiscono con un punto interrogativo, così uno per rispondere deve inventarsi qualche cosa. Poi se le storie finiscono bene o male non importa”. È un documento divertente e toccante questo video – disponibile su Youtube – che ci mostra il grande scrittore piemontese alle prese con un’intervista condotta da un gruppo di bambini. Lo spezzone, preso da una trasmissione della tv svizzera degli Anni Settanta, è una testimonianza preziosa, che riesce a tirar fuori, anche in pochi minuti, tutta l’intelligenza, lo stile e l’ironia di Gianni Rodari.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.