Una poesia scritta da Lou Reed negli anni Settanta rivive nella voce di Iggy Pop, che ha rilasciato un toccante video lo scorso 2 marzo, in occasione del compleanno di Reed, scomparso nel 2013 (avrebbe compiuto 78 anni). La traccia, che fa parte dell’album Free, uscito lo scorso autunno, è un reading sentito e composto, recitato su un tappeto sonoro minimale e malinconico. Altrettanto semplice il filmato: un primissimo piano del cantante, che emerge dal buio come un’apparizione onirica. “Ho pensato: mio Dio, questo è il nostro paese oggi, come lo vedo”, ha dichiarato Pop alla BBC commentando l’attualità del testo scritto dal suo amico e collega.
Il prossimo 7 marzo uscirà una nuova edizione dell’album, in edizione limitata di 340 copie con due tracce inedite, con una copertina firmata nientemeno che da Maurizio Cattelan. Pop e Cattelan firmeranno le copie alla Galleria Perrotin di New York lo stesso giorno.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.