Il periodo di “liberazione digitale” al quale (per fortuna o purtroppo) stiamo assistendo in questi giorni, è sintomatico di una resistenza culturale che non può rimanere ferma. Sono molteplici, infatti, le piattaforme, le istituzioni e le associazioni che stanno aprendo i propri archivi per renderli fruibili online. Tra le tante operazioni in corso, non potevamo tralasciare l’iniziativa portata avanti da una realtà ligure specializzata nella comunicazione visiva: il laboratorio creativo Biofanie. Lo scorso 25 marzo, infatti, l’omonimo canale YouTube ha pubblicato un bel documentario che racconta su uno degli artisti più iconici della scena underground italiana: il Professor Bad Trip (La Spezia 1963 – 2006). Diretto da Andrea Castagna e Carmine Cicchetti, Hanno paura di me! Sanno che sono Punk e che vengo da Canaletto (questo il titolo) è stato realizzato per commemorare i primi dieci anni dalla morte dell’eclettico autore. Attraverso l’uso di testi scritti dallo stesso Lerici e le preziose testimonianze di personaggi a lui vicini, come la moglie Jena Marie Filaccio o il critico musicale Vittore Baroni, viene delineato il ritratto di un personaggio talentuoso, un artista che è sempre riuscito a veicolare i propri universi interiori senza scendere a compromessi.

UN ARTISTA A TUTTO TONDO

Dai periodi trascorsi nel quartiere Canaletto, a La Spezia, alla grande passione per il punk, che lo porterà a militare in diverse band e a collaborare con fanzine e progetti locali. Conosciuto fondamentalmente per i suoi fumetti, caratterizzati da tratti grafici decisi che si stagliano all’interno di scenari distopici e psichedelici, Prof. Bad Trip è stato in realtà un artista a tutto tondo e ha sperimentato svariate tecniche: dal collage, come attestano le celebri copertine per la storica rivista Decoder, alla pittura, passando per la scultura e la musica rock. L’influenza che le avanguardie storiche europee (Futurismo e Dadaismo in primis) e le controculture americane hanno avuto nella costruzione del suo personalissimo immaginario, si evince da tutte le sue opere, realizzate in circa trent’anni di carriera. Ne è una testimonianza, ad esempio, la pubblicazione nel 1992 dell’adattamento de Il pasto nudo di William Burroughs per la leggendaria Shake Edizioni.
Questo viaggio audiovisivo nel mondo del Professor Bad Trip si conclude con alcuni momenti documentativi della retrospettiva Prof Bad Trip, a saucerful of colours allestita nel 2016, presso la Teké Gallery di Carrara.

– Valerio Veneruso

Dati correlati
Autore Prof. Bad Trip
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo. Tra le mostre recenti: la personale RUBEDODOOM – Per tutti e per nessuno (Metodo Milano, Milano, a cura di Maurizio Bongiovanni, 2020) e le collettive, Existance Resistence (mostra virtuale su Instagram a cura di Giovanna Maroccolo e Patrick Lopez Jaimes, 2022), The Struggle is Real (Green Cube Gallery e Fondazione Spara, a cura di Clusterduck, 2021), Rifting (a cura di Federico Poni e Federica Mirabella per la quinta edizione di The Wrong Biennale, 2021), ISIT.exhi#001 (Spazio In Situ, Roma, a cura di ISIT Magazine, 2021), e Art Layers (progetto espositivo su Instagram curato da Valentina Tanni per il decennale di Artribune). Tra le principali esperienze curatoriali: lo screening video Melting Bo(un)d(ar)ies (Cappella di Santa Maria dei Carcerati, Palazzo Re Enzo, Bologna, 2022), il progetto di newsletter mensile IMMAGINARIA – Un altro mondo (per l’arte è possibile (commissionato dall’Associazione culturale di arte contemporanea TRA – Treviso Ricerca Arte, 2020/2021), le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019), e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018) e il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Ha collaborato con diverse realtà editoriali come Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.