Dopo aver partecipato a numerosi festival internazionali, collezionando premi in ogni dove (tra i quali ricordiamo quello vinto al 43° festival di animazione Cinanima di Espinho, in Portogallo), il corto Bavure (2018) farà parte di una prima rosa dei candidati – per la sezione cortometraggi – alla prossima edizione degli Oscar francesi, ovvero il prestigioso Premio César. In attesa della pubblicazione dei quattro finalisti, prevista per il 28 gennaio, la casa di produzione Autour de Minuit, in collaborazione con Canal+, ha pensato di rendere visibile il corto sul proprio canale YouTube, per tutto il mese.
Il talento di Donato Sansone (1974) è qualcosa di raro e Bavure ne è la piena dimostrazione. Non è da tutti, infatti, riuscire a costruire una narrazione così pregna di senso e di allusioni partendo da una semplice stesura di colore. La maestria dell’animatore nostrano gli permette di avviare un processo di storytelling partendo da una semplice macchia, uno scarabocchio che, allo stesso tempo, è simbolo di un caos che si fa forma.
Strizzando l’occhio a capolavori del cinema horror/fantascientifico (esplicite sono le citazioni a eXistenZ di David Cronenberg e a 2001 Odissea nello spazio di Stanley Kubrick), Bavure si presenta come un’enorme metafora dell’atto creativo, ma anche del mistero insito nella vita stessa. Tra metamorfosi continue, e relativi mescolamenti, l’intera narrazione si sviluppa in perfetta simbiosi con il suono concepito da Enrico Ascoli (fedele accompagnatore delle opere di Sansone, premiato proprio con Bavure alla scorsa edizione del messinese Zabut Festival) che contribuisce a caricare di vitalità tutti i personaggi rappresentati. Il risultato evoca le atmosfere della pittura di Francis Bacon ma anche l’estetica esistenzialista di un mostro sacro dell’animazione come Jan Svankmajer, senza farci dubitare neanche per un secondo dell’alto valore poetico custodito in quest’opera. Buona visione.

– Valerio Veneruso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.