Alcuni dei testi migliori – e più divertenti – scritti di recente in lingua inglese sono le recensioni da una stella su TripAdvisor… l’energia e la creatività che serve per produrli è stupefacente”. Questa strana dichiarazione è stata rilasciata da Douglas Coupland (1961), scrittore americano di romanzi e saggi, oltre che sceneggiatore e artista visivo, famoso soprattutto per libri ormai classici come Generation X: Tales for an Accelerated Culture (1991) e Jpod (2006).
In questa video-intervista, pubblicata dalla web tv del Louisiana Museum di Copenhagen, Coupland offre il suo punto di vista sulla scrittura e commenta i cambiamenti intervenuti nel mondo dell’editoria dopo l’avvento di Internet: “non è mai stato facile entrare nell’editoria ed essere pubblicati; non era facile negli Anni Cinquanta e Sessanta e non lo è adesso. É difficile esattamente come prima. O facile come prima, dipende da chi sei”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.