aAron Munson è un regista e artista multimediale canadese che utilizza la fotografia e il video per creare esplorazioni visive relative alla memoria e ai meandri della mente. Con l’ottica di produrre delle immagini altamente evocative, la sua personale ricerca lo porta spesso a confrontarsi con situazioni e contesti estremi: come le stazioni meteorologiche dell’alto Artico, i campi nomadi siberiani o i deserti arabi. Costituito principalmente da forme astratte che si fondono tra loro ricreando sempre qualcosa di nuovo e diverso, il suo immaginario appare non troppo distante dalle sperimentazioni di un gigante della cinematografia underground come Stan Brakhage, dalle installazioni di Refik Anadol o dagli approcci cinetici di un artista come Davide Boriani.
Nei loop ipnotici del producer britannico Mark Pritchard i paesaggi mentali di Munson, nati in prevalenza dall’incontro tra liquidi e materia granulare, trovano la loro collocazione ideale riportando alla nostra mente visioni di superfici solari, armonie cosmiche e ambienti uterini.

– Valerio Veneruso

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo. Tra le mostre recenti: la personale RUBEDODOOM – Per tutti e per nessuno (Metodo Milano, Milano, a cura di Maurizio Bongiovanni, 2020) e le collettive, Existance Resistence (mostra virtuale su Instagram a cura di Giovanna Maroccolo e Patrick Lopez Jaimes, 2022), The Struggle is Real (Green Cube Gallery e Fondazione Spara, a cura di Clusterduck, 2021), Rifting (a cura di Federico Poni e Federica Mirabella per la quinta edizione di The Wrong Biennale, 2021), ISIT.exhi#001 (Spazio In Situ, Roma, a cura di ISIT Magazine, 2021), e Art Layers (progetto espositivo su Instagram curato da Valentina Tanni per il decennale di Artribune). Tra le principali esperienze curatoriali: lo screening video Melting Bo(un)d(ar)ies (Cappella di Santa Maria dei Carcerati, Palazzo Re Enzo, Bologna, 2022), il progetto di newsletter mensile IMMAGINARIA – Un altro mondo (per l’arte è possibile (commissionato dall’Associazione culturale di arte contemporanea TRA – Treviso Ricerca Arte, 2020/2021), le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019), e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018) e il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Ha collaborato con diverse realtà editoriali come Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.