L’artista visiva Samantha Stella collabora con il musicista Nero Kane per la sua ultima produzione video. Un film d’artista diviso in dieci capitoli ispirato a un viaggio attraverso i paesaggi desertici della California. Artribune lo pubblica in esclusiva, a puntate. Ecco i capitoli 3 e 4.

Love In A Dying World è un film sperimentale diretto da Samantha Stella e girato durante il viaggio con il musicista Nero Kane attraverso i paesaggi desertici e solitari della California. Il film è basato sulla struttura dei brani raccolti sotto l’omonimo album di Kane, in uscita in vinile il 30 novembre, in cui atmosfere folk-rock-blues uniscono radici europee a sonorità americane.
Dopo le proiezioni al Museo Marca di Catanzaro e il Macro Asilo di Roma, il film sarà presentato il 4 dicembre alle h. 18.30 allo Spazio46 di Palazzo Ducale a Genova ospite di Un’ora d’artista a cura di Virginia Monteverde, con talk con la giornalista Bettina Bush.
Il terzo e il quarto capitolo del film, che vi presentiamo in queste pagine, descrivono i sentimenti contrastanti che animano il protagonista, desiderio di amore, e al contempo difficoltà a volerlo accettare nel suo cuore.

AI CONFINI DELLA NOTTE

I remember your hands they were searching for me,
I felt the pain in your heart and you felt my desease.
It’s better to change and love you and me.”
– Nero Kane, Living At The Edge Of The Night

Il terzo capitolo, Living At The Edge Of The Night (Vivendo ai confine della notte), ambientato in un motel a Barstow sulla vecchia Route 66 in California, è il secondo singolo tratto dall’album di debutto di Nero Kane. In un set rosa e verde che rimanda, in chiave più minimale, alle immagini del fotografo David LaChapelle, le immagini descrivono l’incontro tra una donna e un uomo (Kane e Stella), ricco di emozioni delicate e intricate, vicino alla poetica visiva del regista e attore Vincent Gallo, in particolare al film The Brown Bunny.

INCANTESIMI NEL VECCHIO WEST

Falling together in a memory, I’ve got no changes to change our destiny.
You are too far away from me, yes I know, it can’t be different.

– Nero Kane, I Put A Spell On You

Il quarto capitolo, I Put A Spell On You (Ti ho fatto un incantesimo), è ambientato nella splendida città fantasma di Bodie, città mineraria caduta in declino negli anni Venti, oggi testimonianza del lontano Far West. Un carillon che raffigura un’antica giostra con i cavalli, ruota lentamente all’interno di una vecchia abitazione in legno ormai in rovina, rimandandoci simbolicamente a “un Far West contemporaneo”, come la frase scelta a sottotitolo del film. La malinconia di un amore che non è potuto essere pervade musica, parole e immagini, mentre il protagonista continua il suo cammino solitario tra le strade impolverate ai margini di una chiesa in legno. Ritroveremo l’interno di questo edificio nella sequenza finale del successivo capitolo. Nel film i rimandi si susseguono in senso circolare nei diversi episodi.

Love In A Dying World
Regia, operatore e montaggio: Samantha Stella
Protagonisti: Nero Kane, Samantha Stella
Musiche e testi: Nero Kane
2018, colore, durata 45 minuti
Vedi i primi due capitoli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.