In occasione della mostra With Out, in corso fino al prossimo 7 aprile, la galleria Hauser & Wirth di New York ha proposto il reenactment di una performance storica di Fabio Mauri (Roma, 1926 – 2009). Ebrea, un’azione lenta e carica di tensione emotiva, ha come protagonista una giovane ragazza che si avvicina nuda a uno specchio e compone con i propri capelli una Stella di David. Messa in scena per la prima volta nel 1971 presso la Galleria Barozzi di Venezia, la performance è stata poi riproposta in numerose occasioni durante la vita dell’artista romano. Un’immagine forte, politicamente e umanamente radicale, che non smette di colpire nel segno, anche nel nuovo millennio.
La mostra Fabio Mauri. With Out organizzata insieme al noto art dealer francese Olivier Renaud-Clément, ripercorre una carriera eccezionale, durata oltre cinque decadi, durante la quale l’artista ha esplorato a fondo le dinamiche dell’ideologia e del potere utilizzando senza distinzione tutti i mezzi espressivi: disegno, scultura, pittura, performance, film, installazione e persino teatro e scrittura.

Dati correlati
AutoreFabio Mauri
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.