Lili Reynaud-Dewar (La Rochelle, 1975; vive a Parigi e Grenoble) apre la stagione espositiva 2017 a Museion. L’artista francese ha sviluppato un’opera complessa, che, facendo riferimento a movimenti di liberazione e subculture del ventesimo secolo, indaga il concetto di identità culturale, sociale ed emotiva.
In occasione della sua prima personale italiana, Teeth, Gums, Machines, Future, Society (basata sul film omonimo), l’artista presenta un’unica grande installazione composta da elementi diversi, come video, pannelli e oggetti. Tutto ruota attorno a due poli tematici principali, tra loro connessi. Da una parte i cosiddetti grills, decorazioni per denti con funzione di status symbol della cultura hip hop, di cui l’artista si impossessa provocatoriamente. La manipolazione del corpo operata dai grills richiama il secondo elemento portante della mostra, il Cyborg Manifesto della femminista Donna Haraway.
In questo video vediamo un estratto della performance svoltasi durante la serata inaugurale, realizzata personalmente dall’artista insieme ad Ashley Cook ed Hendrik Hegray.

Evento correlato
Nome eventoLili Reynaud-Dewar - Teeth Gums Machines Future Society
Vernissage27/01/2017 ore 19
Duratadal 27/01/2017 al 07/05/2017
AutoreLili Reynaud Dewar
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEION
IndirizzoPiazza Piero Siena 1 - Bolzano - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.