In occasione dell’apertura della nuova stagione espositiva della galleria, Fabio Sargentini, storico fondatore de L’Attico, ha ideato un evento singolare. Protagonisti della serata sono due oggetti recuperati dal passato, realizzati rispettivamente da Pino Pascali e Gino de Dominicis, due grandissimi maestri che la galleria romana, ormai prossima a festeggiare i 60 anni di attività, ha sostenuto ed esposto in passato. Sono una bomba a mano e uno scrigno, entrambi oggetti cavi, e custodiscono al loro interno un’anima segreta: un messaggio enigmatico nel caso della bomba e qualcosa di misterioso nel caso del baule. Un’altra cosa che hanno in comune è l’essere legati a un atto generoso degli artisti, che li hanno donati rispettivamente, Pino ad Anna Paparatti, Gino a Fabiana Sargentini.
In questo video, pubblicato dalla galleria nei giorni scorsi, possiamo goderci la testimonianza dell’apertura dello scrigno di de Dominicis, avvenuta il 21 ottobre alla presenza di un folto pubblico. Il forziere, aperto dopo ben 46 anni, rivela finalmente il suo segreto, e Sargentini, una volta rimasto solo, rende omaggio, a suo modo, alla genialità dell’amico Gino.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

LEAVE A REPLY