Si chiama Justo Gallego e ha 90 anni. Negli ultimi 53 la sua vita è stata dedicata ad un’unica grande impresa: la costruzione di una cattedrale. Senza alcuna formazione architettonica, senza fondi né permessi per edificare, quest’uomo ha tirato su un edificio imponente lavorando ogni giorno praticamente da solo (un aiuto occasionale gli viene dai suoi nipoti e dagli studenti che spesso visitano questo luogo). Ispirato da libri e fotografie di chiese e castelli, Gallego ha costruito torri, cupole e cripte usando materiali riciclati e senza nemmeno stendere un progetto: “è tutto nella mia testa”, afferma.

In questo breve video della serie Great Big Story, dedicata al racconto delle piccole grandi storie che si nascondono in giro per il mondo, il vecchietto spagnolo spiega la sua folle opera e si augura che venga in qualche modo continuata dopo la sua morte, consapevole di non riuscire a portarla a termine nei pochi anni che gli restano. La cattedrale si trova a Mejorada del Campo, nei pressi di Madrid ed è dedicata alla Vergine del Pilar.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.