Fino al 6 marzo 2016 tre opere di uno dei maggiori artisti contemporanei, Anish Kapoor, sono esposte nella Galleria d’Onore al Rijksmuseum. I tre quadri in rilievo, fatti da strati di resina rossa e bianca e silicone, evocano immagini di sangue e grumi muscolosi di carne e grasso. Fin qui niente di strano, se non fosse che il trittico, già parecchio particolare, è stato messo in dialogo con una vasta collezione di opere tarde di Rembrandt come La sposa ebrea, I sindaci, Titus vestito da monaco e Autoritratto come l’apostolo Paolo.
La ricerca di spazi fisici e psichici di Kapoor, apparentemente così diversi da quelli del pittore olandese, si legano con la tradizione pittorica di Rembrandt, ma anche di Soutine e Bacon, sollevando temi come la violenza, il trauma e i disordini sociali e politici. Queste nuove opere ricordano le sue installazioni meccanizzate, come My Red Homeland (2003), Svayambh (2009) e Shooting into the Corner (2009).
L’opera tripartita di Kapoor ritorna anche sui temi mitici da lui tanto amati, in questo caso la leggenda del satiro Marsia che sfidò Apollo, il dio della musica, con esiti nefasti. Apollo, infatti, legato Marsia a un albero lo scuoiò vivo.
Nel video Anish Kapoor ci traghetta nei corridoi del museo come amici intimi, per raccontarci le sue riflessioni di fronte a Rembrandt: un modo insolito per un artista di confrontarsi col suo pubblico.

– Federica Polidoro

www.rijksmuseum.nl

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.