Fra topi e svastiche. Santiago Sierra a Milano

Prometeo Gallery, Milano – fino al 12 novembre 2016. Durante l’inaugurazione è stata imbandita una tavola con ratti arrostiti, serviti su piatti di plastica. Poco distante, una svastica specchiata, invertita e riempita di latte dall’artista spagnolo. La mostra segna la seconda e ultima parte del progetto iniziato a luglio 2015 alla Centrale Fies a Dro.

Santiago Sierra – L’abbeveratoio - Prometeo Gallery, Milano 2016
Santiago Sierra – L’abbeveratoio - Prometeo Gallery, Milano 2016

“Quando nel mio lavoro compaiono riferimenti alla religione, che sono molti di più rispetto a quelli che essa stessa cita, non è pensato in allusione alla spiritualità. Sono riferimenti a un antico e crudele sistema di dominazione sociale che detesto trascendentalmente”, afferma Santiago Sierra (Madrid, 1966). Nella galleria di via Ventura, Sierra rielabora il progetto presentato durante il Festival Drodesera. La svastica, attualmente destrogira (collocata dall’artista anche nel tempio di Karni Mata a Deshnoke nel Rajastan), con una disposizione a quarantacinque gradi, si trova nuovamente su un suolo piastrellato in bianco e nero, circondata da quattro pareti di altezza media che delimitano lo spazio e circoscrivono un’area per i topi. “In India i topi bevevano latte di vacca, mentre alla Centrale Fies l’équipe di produzione ha deciso di versare loro latte di soia. Quando ho domandato loro perché lo avessero fatto, mi è stato risposto che i topi si sarebbero sentiti meglio di stomaco, mentre a me davano la sensazione di essere affamati”, ricorda l’artista.
La svastica destrogira si vincola alla vita mentre la levogira alla morte, nonostante la destrogira, specchiata dall’altra, si trasformi nel suo opposto e viceversa. Per questo motivo L’abbeveratoio si presenta come un percorso circolare attraverso il quale l’artista invita il pubblico ad andare oltre i luoghi comuni e le semplificazioni. “Credimi”, riprende Sierra, “quando ti dico che questo pezzo è profondamente terreno e relativo al mondo, mondano, si deve vederlo una volta di più intraprendendo la strada di questa prospettiva”.

Ginevra Bria

Milano // fino al 12 novembre 2016
Santiago Sierra – L’abbeveratoio
PROMETEOGALLERY
Via Ventura 3
02 26924450
[email protected]
www.prometeogallery.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/55736/santiago-sierra-labbeveratoio/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.