Un sublime piccolo piccolo. Philip Topolovac a Roma

Galleria Mario Iannelli, Roma – fino al 13 dicembre 2016. Philip Topolovac non rompe solo l’equilibrio tra umanità e natura. E non rompe soltanto con le ricognizioni della storia e della memoria. Rompe praticamente tutto. Trasfigurando con ironia i detriti di scenari apocalittici.

Philip Topolovac – Für immer – exhibition view at Galleria Mario Iannelli, Roma 2016 – photo Roberto Apa
Philip Topolovac – Für immer – exhibition view at Galleria Mario Iannelli, Roma 2016 – photo Roberto Apa

Avere l’idea del mondo e della sua totalità, ma non la capacità di produrne un esempio. Concepire l’assolutamente grande, ma nessun oggetto in grado di raccontare tale esperienza. Forse è per questo che Philip Topolovac (Würzburg, 1979) rompe tutto: dà fuoco a un modellino di ferro del Colosseo quadrato, fa esplodere in un video mandato in loop un piccolo Titanic, spacca e butta a terra i calchi in gesso di una statua barocca e di un satellite obsoleto, buca il muro della galleria per lasciar vedere un’improbabile matassa di cavi e dispositivi iper-tecnologici; e, ancora, squarcia metaforicamente il velo di Maya, ma solo per mostrare altri miseri oggetti-spazzatura. Siamo certamente di fronte a un sublime postmoderno: un sublime che fornisce piccole allusioni a quel concepibile apocalittico che non può essere presentato.

Francesca Mattozzi

Roma // fino al 13 dicembre 2016
Philip Topolovac – Für immer
MARIO IANNELLI
Via Flaminia 380
06 89026885
[email protected]

www.marioiannelli.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/56391/philip-topolovac-fur-immer/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Mattozzi
Francesca Mattozzi ha un background da danzatrice che l’ha vista lavorare sia in TV che a teatro con coreografi di fama internazionale, quali Luca Tommassini e Martino Müller. È laureata in storia dell’arte e dell’arte ama soprattuto gli eventi perché, grandi o piccoli che siano, le permettono di esplorare e raccontare il panorama artistico e culturale contemporaneo. È curioso, ma quando non vedete Francesca a una vernice, una performance o un finissage, la trovate chissà dove a pianificare le prossime avventure.