La Florida di Benni Bosetto. A Milano

Tile Project Space, Milano – fino al 22 ottobre 2016. Ispirata dall’ambiente liquido di via Garian, Benni Bosetto sovrascrive la connotazione dello spazio che la ospita, componendo una scenografia fasciante che, a partire dalle linee in bianco e nero, recupera il senso di profondità e di scrittura dei personaggi. Fonti umane che solamente durante l’inaugurazione animano, di carne e moto, il disegno alle pareti.

Benni Bosetto – Florida - exhibition view at Tile Project Space, Milano 2016 - photo Floriana Giacinti
Benni Bosetto – Florida - exhibition view at Tile Project Space, Milano 2016 - photo Floriana Giacinti

Florida di Benni Bosetto (Merate, 1987; vive ad Amsterdam) si presenta come un acquario in cui la componente necessaria al mantenimento della vita è stata sottratta, per poi essere immaginata, agita dal pensiero visivo. Alle pareti, a pavimento e attraverso l’intera stanza, l’artista comasca si avvale di enormi fogli di carta bianca per rivestire ogni superficie, istoriata dai tratti del marker nero, che segna ogni volume testimoniando la diretta padronanza della mano, di una linea del pensiero. L’ambiente è stato concepito come uno santuario domestico in cui colonne greche, archi e una natura tropicale falsano la veridicità, l’esistenza di uno sfondo che rivela richiami precisi al corpo femminile, all’interno dell’iconografia della storia dell’arte. Due personaggi, due danzatrici al centro di uno spazio ridisegnato al tratto, un luogo che ricorda un’antica area termale de-saturata dai colori, evocano, in un unico sguardo, gli effetti di un’improvvisa fonte della giovinezza.

Ginevra Bria

Milano // fino al 22 ottobre 2016
Benni Bosetto – Florida
TILE PROJECT SPACE
Via Garian 64
[email protected]
www.tileprojectspace.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/56606/benni-bosetto-florida/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.

LEAVE A REPLY