Prima della natura. Martin Vongrej a Milano

amt_project, Milano – fino al 14 ottobre 2016. La prima personale italiana dell’artista slovacco si presenta fitta e attraversabile solo con attenzione. Puntellata da basi espositive bianche e radi dispositivi visuali, psico-geometrici, alle pareti. Un percorso studiatissimo, che culmina con la poesia “Alphabet of Senses”, composta dall’artista e dal curatore Daniel Grúň.

Martin Vongrej – Pre-nature – exhibition view at amt_project, Milano 2016 - photo Domingo Nardulli
Martin Vongrej – Pre-nature – exhibition view at amt_project, Milano 2016 - photo Domingo Nardulli

Martin Vongrej (Bratislava, 1986) concepisce una personale, dal titolo Pre-nature, che si presenta come un osservatorio dedito a indagare lo sguardo. I lavori visuali – trascendenze in bianco e nero di oggetti e paesaggi del quotidiano – sono stati disposti sulla superficie di piedistalli dalle diverse altezze. Le varie graduatorie definiscono una percezione del paesaggio intuitivo, continuamente pronto a generarsi come una sinestesia, come la programmazione, come il diagramma di una sorta di piano sonoro. Pre-nature, tra inconscio e percezione fisica, restituisce al visitatore un’immagine di tante immagini che compongono l’esperienza del tempo attraverso una completa astrazione dello spazio rappresentato. Le tracce di un mondo in transito, tra uno stato di inconscio e una forzata lucidità, permettono a Martin Vongrej di definire un continuo rispecchiamento di una dimensione nell’altra, costituendo un limbo che necessita di molti e diversissimi punti di vista per essere completato negli occhi di chi guarda.

Ginevra Bria

Milano // fino al 14 ottobre 2016
Martin Vongrej – Pre-nature
a cura di Daniel Grúň
AMT_PROJECT
Via Giacomo Watt 13a
347 8313970
[email protected]
http://amtproject.sk/

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/56327/martin-vongrej-pre-nature/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.