La mostra dell’anno, secondo t-space

t-space, Milano – fino al 16 luglio 2016. I lavori di Lorenzo Kamerlengo, Luca Loreti e Alessandro Moroni segnano un’evoluzione imprevedibile di un progetto espositivo nato a partire da un articolo che annunciava, da parte della Pantone, la scelta delle nuance dell’anno: il rosa quarzo e l’azzurro serenity.

Exhibition of the year 2016 - installation view at t-space, Milano 2016
Exhibition of the year 2016 - installation view at t-space, Milano 2016

La mostra curata da Alberta Romano nei 180 metri quadrati di t-space, trae ispirazione dalla tradizionale scelta della Pantone di eleggere un colore dell’anno. Elezione che nel 2016 è ricaduta su un accostamento di due colori: il rosa quarzo e l’azzurro serenity. A motivare questa scelta “la capacità di confortare il cittadino medio”.
“Una storia già sentita”, come afferma la curatrice, “di sublimazione, edulcorazione e snaturamento che porta tuttavia a riflettere su una vasta gamma di problematiche legate all’estetica dominante e alla sua diffusione su larga scala favorita da un sistema di comunicazione sempre più veloce, fagocitante ed effimero”. Luca Loreti rende omaggio alla serenità di un Oriente ideale, tra Cina e Giappone, tra il monte Fuji e i robot, tra grafica manga, pittura e scultura, tra disegni in bianco e nero e trittici adesivi alle pareti. Alessandro Moroni crea una sorta di colonna sonora degli spazi occupati, sovrapponendosi, attraversando il dipinto di Loreti con lunghe canaline murarie che partono da un dispositivo per la riproduzione musicale.  Di natura, invece, completamente diversa, si presenta il lavoro di Lorenzo Kamerlengo, che conferisce una dimensione domestica all’intero tema della collettiva.

Ginevra Bria

Milano// fino al 16 luglio 2016
Exhibition of the year 2016
a cura di Alberta Romano
artisti: Lorenzo Kamerlengo, Luca Loreti, Alessandro Moroni
T-SPACE
Via Bolama 2
[email protected]
www.t-space.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/54535/exhibition-of-the-year-2016/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.