Il montaggio della realtà. Jean-Baptiste Maitre a Milano

Ritaurso Artopia Gallery, Milano – fino al 15 settembre 2016. L’artista francese Jean-Baptiste Maitre presenta la propria riflessione sulla misurazione dello spazio e del tempo attraverso il cinema.

Jean-Baptiste Maitre - Fluid Carrying the Hopes of Ships in Distress - installation view at Ritaurso Artopia Gallery, Milano 2016
Jean-Baptiste Maitre - Fluid Carrying the Hopes of Ships in Distress - installation view at Ritaurso Artopia Gallery, Milano 2016

Le tecniche cinematografiche di costruzione narrativa e montaggio dei fotogrammi sono tra gli elementi ricorrenti nella ricerca di Jean-Baptiste Maitre (Montluçon, 1978), artista francese che a Milano presenta una serie di opere realizzate con tecniche differenti, ma accomunate dal tema dello spazio e del tempo, tra verità e finzione.
Una parete è occupata da tecniche miste in cui la pittura e la stampa interagiscono su fogli piegati nel formato della pellicola cinematografica, poi scansionati per ottenere un’animazione video esposta nella stessa sala. Inoltre, l’artista propone opere formate da corde, ispirate a uno strumento di misurazione utilizzato nell’ambito dell’archeologia.
In particolare, una delle corde presenta i colori dei chakra coinvolti nella ripetizione dei mantra, andando a suggerire la funzione persuasiva che accompagna l’iterazione ossessiva delle immagini da parte dei mass media, fino a plasmare la realtà dell’uomo come il montaggio di un film.

Andrea Lacarpia

Milano // fino al 15 settembre 2016
(la galleria è chiusa ad agosto)
Jean-Baptiste Maitre – Fluid Carrying the Hopes of Ships in Distress
ARTOPIA
Via Lazzaro Papi 2
02 5460582
[email protected]
www.artopiagallery.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/53773/jean-baptiste-maitre-fluid-carrying-the-hopes-of-ships-in-distress/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Andrea Lacarpia
Laureato in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera, si occupa d’arte contemporanea come curatore e critico. Ha curato diverse mostre in spazi pubblici, gallerie private e associazioni. Dalla fine del 2012 dirige Dimora Artica, realtà non profit e progetto curatoriale dedicato alle connessioni tra arte contemporanea e cultura tradizionale. Dal 2015 collabora con Progetto Città Ideale come direttore artistico di Edicola Radetzky, edificio storico rigenerato come spazio espositivo.