Gesto e pergamena. David Schutter a Roma

Magazzino, Roma – fino al 24 luglio 2016. Prima esposizione dell’artista americano nella galleria capitolina. Con una performance gestuale che scrive e riscrive le tracce del passato su foglio.

David Schutter – Pergamena - Magazzino, Roma 2016
David Schutter – Pergamena - Magazzino, Roma 2016

La galleria Magazzino dedica una mostra a uno dei supporti più antichi per la scrittura, la pergamena. Il graffio, indispensabile intervento per la sovrapposizione testuale, diventa per David Schutter (Pennsylvania, 1974) la pratica della cancellazione che va a marcare le diverse fasi della creazione e della palese distruzione del segno. L’allestimento esalta la vibrante carica emotiva delle tracce frammentarie su carta da spolvero e su pergamena. Il rimando agli antichi maestri del Barocco è rintracciabile nell’organizzazione spaziale del foglio di studi, che da prova di immagine ne diviene la rappresentazione stessa. L’incontro tra l’accumulo di segni di Schutter e la riduzione al bianco neutrale delle pareti è così omogeneo da rendere le spiazzanti rappresentazioni un punto di riferimento nel viaggio del visitatore in un “presente posticipato”.

Silvia Mattina
Roma // fino al 24 luglio 2016
David Schutter – Pergamena
MAGAZZINO
Via dei Prefetti 17
06 6875951
[email protected]
www.magazzinoartemoderna.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/54089/david-schutter-pergamena/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Mattina
Silvia Mattina (Roma,1984) è laureata in Storia dell'arte moderna presso l'Università degli Studi di Roma Tre. È appassionata e curiosa di ogni forma di arte e cultura, con predilezione per il Barocco e l'arte secentesca romana, su cui ha svolto la sua tesi di laurea magistrale, "Gian Domenico Cerrini e la Cappella di Sant'Antonio in Sant'Isidoro". Ha maturato esperienze come curatrice di mostre d'arte e come addetta stampa, per poi sentire l'esigenza di esprimere le proprie idee attraverso la scrittura. Dal 2013 ha iniziato questo nuovo percorso attraverso la collaborazione con le redazioni cronaca e cultura di diversi giornali online, tra i quali il Monitore Romano, Laici.it, il Periodico Italiano Magazine. La ragione dei suoi studi è sempre stata quella di entrare in relazione con gli artisti e la loro produzione, con particolare interesse per l'attività curatoriale. È sempre alla ricerca di nuovi stimoli, per questo lo studio è la sua motivazione.