La giapponese che ha incantato alla Biennale 2015 è a Milano

Galleria Mimmo Scognamiglio, Milano – fino al 31 luglio 2016. Dopo aver rappresentato il Giappone all’ultima Biennale, l’artista Chiharu Shiota torna nel nostro Paese per la sua prima personale in Italia.

Chiharu Shiota, The boat carry people and time, 2015 - Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea, Milano
Chiharu Shiota, The boat carry people and time, 2015 - Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea, Milano

A volte le trame dell’esistenza si fanno talmente fitte da diventare percettibili: è questo il processo che accade nell’opera di Chiharu Shiota (Osaka, 1972). I suoi dipinti poetici e le sue installazioni – più scenografiche – spostano l’accento del visibile sull’intricato sfondo della nostra presenza: legami, confini, rapporti e separazioni, vita e dolore. Ecco allora che Follow the line racconta di quel punto simbolico che unisce gli opposti e che al contempo ne permette la distinzione. Un punto che spostandosi nello spazio e nel tempo disegna il filo, protagonista di ogni opera esposta, che intesse la nostra storia. Ed è grazie all’occasione di scoprire il lavoro di questa artista alla Galleria Mimmo Scognamiglio, lontano dalla confusione della Biennale, che una conversazione intima con le sue opere e con i propri legami è finalmente possibile.

Marta Cambiaghi

Milano // fino al 31 luglio 2016
Chiharu Shiota – Follow the line
MIMMO SCOGNAMIGLIO
Via Goito 7
02 36526809
[email protected]  
www.galleria.mimmoscognamiglio.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/53097/chiharu-shiota-follow-the-line/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Cambiaghi
Dopo una laurea magistrale in Filosofia all'Università Statale di Milano, decide di dedicare i suoi studi successivi all'arte contemporanea. Nel 2012 si iscrive quindi al corso di Organizzazione e Comunicazione per l'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Brera, che tuttora frequenta. Dal 2013 è corrispondente per i.OVO, mensile d'arte e cultura contemporanea e dal 2014 collabora con Artribune.