Tokyo secondo Daido Moriyama. A Parigi

Fondation Cartier pour l’art contemporain, Parigi – fino al 5 giugno 2016. Tokyo passa per la capitale francese. Dopo dodici anni, il centro parigino consacra una nuova esposizione a Daido Moriyama, figura centrale della fotografia nipponica.

Daido Tokyo di Daido Moriyama - Fondation Cartier, Parigi
Daido Tokyo di Daido Moriyama - Fondation Cartier, Parigi

TOKYO BEAT
Ecco il respiro di una mostra, l’estrema imprecisione all’esca di immagini inedite, scatti oscuri e taciturni, notturni di una Tokyo da beat generation. Visi tondi e personaggi di strada in uno streaming di colori, e ombre di chiaroscuri, sotto riflettori e lampioni o luci al neon. Costrutti e artifici di una metropoli sconcertante, preamboli della tradizione giapponese, in un impasto di violenza e poesia. Daido Moriyama (Osaka, 1938; vive a Tokyo) è solito immergersi nella cortina di vicende e odori, dal vociare insolito di viandanti e passeggeri, allo spazio annullato del traffico in sordina. La vita urbana non si ferma, per le strade della capitale giapponese, spasmodicamente i frammenti e i forti contrasti, nonché visuali sfuocate o dettagli messi a fuoco, fanno da sfondo e completano una ricerca fotografica satura di colori lividi in frammentarie esperienze di vita urbana.

Daido Tokyo di Daido Moriyama - Fondation Cartier, Parigi
Daido Tokyo di Daido Moriyama – Fondation Cartier, Parigi

SOGGETTI E FRAMMENTI
Il minimalismo delle composizioni fa da contraltare all’astrazione leggera dei soggetti, mai ripresi per intero, essi stessi esaltati a icona di un tipo di sensibilità deposta e amara. Lo sguardo sulla realtà ha un accento entropico e visionario, già protagonista della mostra italiana dedicata all’artista nipponico.
La piccola telecamera del fotografo riprende, mai sazia, sequenze di un’opera titanica, di un racconto inconcluso. La strada offre, come a teatro, molteplici interpretazioni.
Influenze nella sua opera possono ritrovarsi in Seiryū Inoue, Shōmei Tōmatsu, nonché in William Klein, a cui fu associato in una mostra inedita alla Tate Modern Gallery di qualche anno fa.

Daido Moriyama – Daido Tokyo installation views at Fondation Cartier, Parigi 2016 - photo Claudia Brivio
Daido Moriyama – Daido Tokyo installation views at Fondation Cartier, Parigi 2016 – photo Claudia Brivio

COLORE E PERCEZIONE
Ma il vero background di sensazioni e immagini sono i personaggi sgranati e refrattari alle regole, quelli alla Jack Kerouac ne I sotterranei, o in Pasto Nudo di William S. Burroughs. Nei viaggi solitari, estenuanti, alla ricerca della messa in discussione della routine, le vie si animano nel cuore di Tokyo, o tra i rivoli di gente nei quartieri di Shinjuku e di Roppongi. L’automatismo delle percezioni è vivo di frenesia e sospensioni agghiaccianti.
“Il colore descrive ciò che incontro senza filtri […] il colore è gentile, riguardoso, come io mi pongo nei confronti del mondo”, afferma l’artista.
È pop il colore essenziale, scelto per raccontare l’aspetto effimero di una Tokyo che va in scena alla Fondation Cartier di Parigi, attraverso un’ampia selezione di scatti in technicolor, appartenenti alla produzione fotografica di Moriyama delle ultime due decadi.

Claudia Brivio

Parigi // fino al 5 giugno 2016
Daido Moriyama – Daido Tokyo
a cura di Hervé Chandès e Alexis Fabry
FONDATION CARTIER
261 Boulevard Raspail
+33 (0)1 42185650
[email protected]
fondation.cartier.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Brivio
Claudia Brivio si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano nel 2004. Da anni lavora come progettista e designer viaggiando tra Milano, Londra e Parigi. Da sempre appassionata di arte contemporanea e fotografia, intenta nuovi punti d’incontro tra la propria professionalità, che è più che altro una passione, e i molteplici e poliedrici interessi.