Senza fissa dimora. Paola Di Bello a Firenze

Galleria Frittelli Arte, Firenze – fino al 31 marzo 2016. Realizzate tra la seconda metà degli Anni Novanta e il 2001, le serie fotografiche in mostra riflettono sulla percezione della realtà marginale nello spazio urbano. Ripreso da un’angolazione inconsueta.

Paola Di Bello, Concrete Island, 1996-98
Paola Di Bello, Concrete Island, 1996-98

Paola Di Bello (Napoli, 1961) volge il suo sguardo sulla città contemporanea, per indagare le problematiche sociali che la caratterizzano. Le sue fotografie in scala 1:1 attuano una sfasatura percettiva della realtà attraverso la rotazione dell’obiettivo, mettendo in luce gli oggetti non più utili e gli esseri umani estromessi, persone senza fissa dimora riprese nel momento di maggiore vulnerabilità. L’artista, interessata a temi vicini al reportage, attua un lavoro più diretto, un gesto di “cura” nei confronti del soggetto ritratto, che diventa percezione della presenza e dell’essere, provocando un desiderio di cambiamento, piuttosto che una sensazione di malinconia. Se gli oggetti, seguendo Deleuze, quando finiscono di essere utili iniziano a vivere davvero, allora la loro è un’energia potenziale invisibile, che deve solo essere indagata. La realtà sta dentro il prossimo istante e il nostro sguardo la può trasformare.

Alessandra Frosini

Firenze// fino al 31 marzo 2016
Paola Di Bello – Homeless’ home
a cura di Raffaella Perna
FRITTELLI ARTE
Via Val di Marina 15
055 410153
[email protected]
www.frittelliarte.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51650/paola-di-bello-homeless-home/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandra Frosini
Alessandra Frosini è critica e curatrice di mostre d'arte contemporanea. Laureata in Storia dell'Arte Medievale presso l’Università degli Studi di Firenze e specializzata in museologia e in management culturale, dal 2009 ha collaborato con musei, istituzioni, società e gallerie d'arte in Italia e all’estero per numerose mostre ed eventi, portando avanti una personale riflessione sul concetto di memoria. Scrive per testate d’arte quali ArsKey, Artribune, Espoarte, Juliet Art magazine, oltre che per cataloghi e riviste. È docente di museologia e museografia in master sull’organizzazione di eventi culturali e consulente per la compravendita di opere d’arte per privati, case d’asta e fondi d’investimento in arte. Fra le ultime collaborazioni come critico si segnala la partecipazione come giurato al Canova Art Prize di New York, mostra “Giorgio De Chirico and Giorgio Morandi. Rays of Light in Italian Modern Art” al Modern Art Museum di Shanghai, la mostra “Polixeni Papapetrou | Between worlds” per il Photolux Festival, e la doppia personale di Angelo Brescianini e Beatrice Gallori all’Aria Art Gallery di Istanbul.