Cosimo Terlizzi. La scomposizione dell’equilibrio

Traffic Gallery, Bergamo – fino al 7 marzo 2015. Terlizzi fa ritorno alla galleria bergamasca con una mostra multi-mediale. Fotografia, installazione e video inseguono tematiche identitarie, dando nuova forma alla pratica del riuso. Fra tecnica e concetto, instabilità e ricomposizione.

Cosimo Terlizzi, Sacra famiglia, 2014 - Courtesy Traffic Gallery, Bergamo
Cosimo Terlizzi, Sacra famiglia, 2014 - Courtesy Traffic Gallery, Bergamo

Il lavoro di Cosimo Terlizzi (Bitonto, 1973) è fluido, incessante. Muovendosi fra tecniche indipendenti, senza mettere radici, Terlizzi attraversa con fermezza una complessa trama concettuale: identità e corpo, sacro e profano, antico e contemporaneo emergono e si nascondono, caricandosi di nuovi significati a ogni apparizione. Risemantizzando l’esistente e creando inediti oggetti di culto laico grazie al metodo del riuso, l’artista stabilisce un punto di equilibrio tra l’insidia del dogma e la deriva kitsch. La raffinata semplicità dei materiali e l’arguzia degli accostamenti aprono inaspettati canali di dialogo tra le opere, inserendole in un discorso unitario, a prima vista impossibile. La Pietra d’oro (2014) completa il senso della Sacra Famiglia (2014) e l’assemblage chiassoso di Nimbo (2014), supportato da Regina (2008) e Amplificatore (2012), regala una nuova, ironica funzione a una catasta di vassoi da pasticceria vuoti. Tutto è al posto giusto e nulla lo è, in un saliscendi di trovate che descrivono il fare artistico di Terlizzi come una pratica incuriosita dalle domande e mai sazia di risposte.

Arianna Testino

Bergamo // fino al 7 marzo 2015
Cosimo Terlizzi – Luce incidente della lunghezza d’onda del blu
TRAFFIC GALLERY
Via San Tomaso 92
035 0602882
i[email protected]
www.trafficgallery.org

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/41069/cosimo-terlizzi/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).