Incontri in villa. Una mostra a Trani

Sedi varie, Trani – fino al 31 agosto 2014. Un gruppo di artisti abitano la città pugliese e i suoi luoghi simbolo. Siamo nell’ambito del progetto “Renkontigo”, curato da Leonardo Regano e Liliana Serrone. Per l’ennesimo evento in una Regione che sta emergendo con sempre maggiore forza.

Trani, Rekontigo

Renkontigo, progetto artistico diffuso a cura di Leonardo Regano e Liliana Serrone, declina in modo brillante e innovativo il rapporto tra produzione artistica e territorio, riattivando luoghi fortemente identitari di Trani e conferendo alle opere un forte respiro pubblico. La Villa Comunale, enorme giardino pensile a picco sul mare, ospita le due belle opere di Boris Chouvellon: Days Without Shadow, giostra per bambini realizzata con gli sgabelli in legno delle detenute rinchiuse nel vicino carcere femminile, e Fishermen Pebbles, paradossale barca in cemento. Margherita Fabbri e Martin Romeo danno vita, con Giardino contemporaneo,a una visione della vegetazione in bilico tra realtà e immaginazione. Nel giardino, invece, di Villa La Pietra-Bini, Giacomo Zaganelli costruisce il fantasma dell’identità industriale del luogo, oggi pressoché rimossa, con lo scheletro ferrigno di un corridoio che è traccia della vecchia ciminiera abbattuta nel 2009. Infine, l’intervento di Sergio Recanati nella Villa Guastamacchia ricostruisce in maniera sottile lo spazio e la memoria del luogo, ospitando anche le eleganti reti del collettivo Urbanslow.

Christian Caliandro

Trani // fino al 31 agosto
Renkontigo. Incontri tra arte e territorio
a cura di Leonardo Regano e Liliana Serrone
VILLA COMUNALE
VILLA LA PIETRA-BINI
VILLA GUASTAMACCHIA
347 0519051 / 347 4905514
info@renkontigo.com
www.renkontigo.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/35212/renkontigo-incontri-tra-arte-e-territorio/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).