Stampone l’educatore

Da l’Havana a Civitella del Tronto, con l’ultimo passaggio a Lucca. Il discorso critico di Giuseppe Stampone prosegue a tappe forzate, e giunge nell’ex Chiesa di San Matteo. Dove, fino al 31 luglio, si rilegge certa tradizione italiana, a confronto con la Storia.

Giuseppe Stampone - Global Education - veduta della mostra presso l'ex Chiesa di San Matteo, Lucca 2012

Dopo aver pazientemente costruito un alfabeto concettuale, agganciando simboli e contenuti culturali, Giuseppe Stampone (Cluses, 1972; vive a Teramo) sta articolando frasi e periodi, détournando costantemente il dispositivo mediatico. È questo, in definitiva, il senso della sua Global Education: un’opera ambiziosa di ri-educazione collettiva, in cui gli spettatori vengono trasportati dal territorio (sicuro, protetto, sterilizzato) dell’arte contemporanea a quello della realtà derealizzata di quest’epoca; dal “presente perpetuo” di un sistema chiuso e autoreferenziale – di un insieme di sistemi che si contrappongono, annullandosi a vicenda in un’operazione a somma zero – alla Storia che si è rimessa potentemente in moto.
Ciò avviene attraverso l’uso sapiente di un linguaggio di marca squisitamente italiana – Boetti e De Dominicis i riferimenti che prevalgono su tutti, e non da oggi – che però non è mai fine a se stesso. L’obiettivo è sempre e comunque quello di scavalcare i confini angusti dell’arte come insieme di convenzioni sociali e istituzionali, di esorbitare continuamente dal mondo artistico per raggiungere e toccare finalmente il mondo “là fuori”.

Giuseppe Stampone – Global Education – veduta della mostra presso l’ex Chiesa di San Matteo, Lucca 2012

Così, i dittatori di molteplici luoghi spazio-temporali incastonati nelle strutture comunicative occidentali (che ci sono così familiari da comporre ormai una seconda natura, e i cui meccanismi sono efficacissimi proprio perché quotidianamente fruiti), ridotti e innalzati al rango di celebrities, sono in realtà figure della dittatura in cui noi viviamo costantemente immersi: una dittatura tanto più potente e pervasiva perché invisibile, priva di icone riconoscibili e di rapporti di forza violentemente espliciti.
La grande mappa nell’abside della ex chiesa di San Matteo a Lucca sviluppa un discorso iniziato con l’opera per L’etica prima della forma, la mostra italiana curata da Raffaele Gavarro in occasione della Biennale de L’Havana, e che prosegue oggi con il tavolo realizzato per la collettiva Visioni (Civitella del Tronto, Fortezza Borbonica), a cura di Giacinto Di Pietrantonio e Umberto Palestini: i messaggi e le riflessioni si riordinano all’interno di una geografia al tempo stesso mentale e storica, che attribuisce all’arte il compito di riconoscere e di svelare i processi effettivi al di là delle traduzioni ufficiali e delle semplificazioni retoriche.

Christian Caliandro

Lucca // fino al 31 luglio 2012
Giuseppe Stampone – Global Education
a cura di Giacinto Di Pietrantonio
EX CHIESA SAN MATTEO
Piazza San Matteo 3
02 26924450
[email protected]
www.prometeogallery.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).