Notizie dal mondo della moda: il lusso italiano si prepara ad affrontare la crisi

Anche la moda e il tessile affrontano un momento di incertezza senza precedenti. Un’analisi dei primi dati che raccontano l’impatto del Coronavirus sui brand di lusso nel mondo

Gucci, sfilata a Milano, gennaio 2020. Ph. Kevin Tachman, Anton Gottlob e Dan Lecca
Gucci, sfilata a Milano, gennaio 2020. Ph. Kevin Tachman, Anton Gottlob e Dan Lecca

Con oltre l’80% dei centri commerciali e dei supermercati riaperti a Pechino, Shanghai e Guangzhou e Chengdu la Cina, “il” mercato per eccellenza per l’industria del lusso italiano prova a ripartire. Una ricerca di JP Morgan prevede che l’economia cinese aumenterà del 15% tra aprile a giugno rispetto ai tre mesi  precedenti: e il 45% dei beni di lusso prodotti nel mondo si consumano qui.

IL NUOVO CALENDARIO DELLA MODA

Le case di moda italiane hanno invece cancellato ogni presentazione prevista per le collezioni crociera in Nord America, Dubai e Giappone, e insieme piovono le disdette alla partecipazione di  qualsiasi evento fieristico. Slitta ad ottobre la presentazione di Giorgio Armani, in programma dal 19 al 20 aprile a Dubai: che  in ogni caso non includerà più la collezione crociera. Versace e Gucci hanno entrambi annullato i loro show negli Stati Uniti, originariamente previsti per  maggio. Esattamente come Prada ha  fatto per il suo show di Tokyo. Anche le previsioni di vendita nei duty free appaiono minacciose. Le proiezioni parlano di  9 miliardi di dollari in meno nel 2020:  una caduta del 12,4%, secondo GlobalData,  con la regione dell’Asia del Pacifico ad essere la più colpita. Solo le Olimpiadi di Tokyo, in programma tra il 24 luglio e il 9 agosto, offrono qualche speranza di rimbalzo. Ma nonostante le continue dichiarazioni rassicuranti del CIO niente è certo.

LUSSO E TESSILE AI TEMPI DEL COVID-19

I casi di infezione segnalati inoltre 100 paesi, insomma stanno colpendo al cuore la produzione del tessile abbigliamento e accessori di lusso italiani. Le fabbriche oltre ai singoli individui sono cadute in  quarantena: da Biella a Prato, da Vicenza a San Mauro Pascoli i distretti produttivi vivono un momento di incertezza senza precedenti. In ordine sparso Armani, Monclaire, Prada, Dolce & Gabbana, Bulgari, Etro e Gucci (quest’ ultimo privatamente nella figura del suo AD Marco Bizzarri) si sono mobilitati con iniziative benefiche mirate. La Miroglio Group ha riconvertito il suo impianti produttivo di Alba in Piemonte per la produzione di mascherine.  Esattamente come sta facendo Zara in Spagna: mascherine e camici per i medici dalla sua sezione tessili, igienizzanti per le mani da quella dei cosmetici.

Aldo Premoli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive tra Noto e Cernobbio. E poi New York e Washington dove lavorano i suoi figli. Tra il 1989 e il 2000 dirige periodici specializzati nel settore tessile abbigliamento come “L’Uomo Vogue”. Nel 2001 fonda Apstudio, che fornisce consulenze ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere. Nel 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte, scienza ed etica. Blogger di Huffington Post ha fondato a Catania, l’Onlus Mediterraneo Sicilia Europa che si occupa di integrazione scolastica di minori in difficoltà.