Regali di Natale d’artista. Da Jonathan Monk a Olimpia Zagnoli 5 progetti charity

Idee regalo last minute ma d’autore, da comprare con un clic e consegnare in piena sicurezza per sentirsi vicini anche a distanza? A pochi giorni dal Natale, ecco una selezione di progetti artistici e nello stesso tempo solidali

In questi tempi difficili in cui non si può stare fisicamente vicini ai propri cari – e la lontananza si fa sentire ancora più forte a Natale – alcuni progetti artistici e nello stesso tempo solidali si fanno portavoce di una “vicinanza a distanza”. Il coinvolgimento di noti marchi o di associazioni benefiche o enti sociali e il contributo di un artista di fama internazionale fanno il resto, rendendo possibile la realizzazione di un regalo che porti con sé un forte messaggio. Vediamone alcuni nel dettaglio…

– Claudia Giraud

1. GREMBIULE E SHOPPER DI JONATHAN MONK PER UN PASTO CALDO AI SENZATETTO

Grembiule Jonathan Monk+Older+Motelombroso

Un progetto nato dalla voglia di Alessandra Straccamore e Matteo Mazza, coppia fondatrice del ristorante di Milano Motelombroso, di unire ciò che per loro conta davvero “Il Bello, il Buono e il Giusto”. Si tratta di un grembiule da cucina e di una shopping bag in edizione limitata (50 grembiuli e 50 shopper) realizzati da Older, noto marchio di divise da lavoro sostenibile, accompagnati da foglio di autentica firmato da Jonathan Monk, sui quali vi è il ricamo Glow in the dark, l’opera dell’artista che indica un viaggio complesso in un momento turbolento: frecce che sembrano non portare da nessuna parte, fari nel buio che in realtà portano ad un luogo ben preciso: la mensa Fratelli di San Francesco di via Saponaro 40 a Milano, dove, grazie al ricavato della vendita ed al contributo dell’Associazione Equoevento Lombardia, di cui Alessandra Straccamore è cofondatrice, verranno distribuiti dei pasti caldi alle persone in difficoltà, a partire dal pranzo di Natale. Acquistando l’opera sul sito (60€ al pezzo) si potrà stare vicini ai propri cari durante le festività e contemporaneamente regalare un pasto caldo a chi ne ha bisogno.

www.motelombroso.it

2. OGGETTI DI DESIGN PER SENSIBILIZZARE SULLA MALATTIA DELL’ALZHEIMER

Le cose che non sai project

Le cose che non sai è un progetto nato a Torino per rendere omaggio alla memoria di un padre e di un marito e raccontare come una famiglia colpita da Alzheimer ha affrontato la malattia insieme. Il tutto con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi per l’Associazione Alzheimer Piemonte. Per farlo, le due figlie hanno creato una serie di oggetti di design personalizzati, dalla mug alla cover per il telefono al cuscino, mettendoli in vendita online. “Abbiamo selezionato alcuni dipinti che nostro padre ha prodotto nel pieno della malattia e alcuni disegni tematici creati da noi due figlie, e abbiamo trasferito queste grafiche su prodotti venduti tramite il sito Redbubble con lo scopo di venderli e destinare i proventi all’Associazione Alzheimer Piemonte”, raccontano le ideatrici del progetto, le torinesi Alessia e Ilaria Messuti. “In più sui profili social Instagram e Facebook scriviamo della nostra esperienza e inseriamo degli interventi di divulgazione per portare alla luce il mondo sommerso di questa malattia, che di fatto è una malattia sociale. È un progetto che ci permette di parlarne in maniera delicata e che ci offre una possibilità di ‘guarire’ in quanto nucleo familiare”.

https://www.lecosechenonsai.com/il-progetto

3. CALENDARIO LUNARIO DI LAURA ANASTASIO PLASTIC FREE PER SALVARE L’AMBIENTE

Lunario2021 febbraio

Il nuovo lavoro solista dell’illustratrice Laura Anastasio, il Lunario 2021, presenta diverse novità rispetto all’edizione precedente. La prima rilevante differenza è che si tratta di un’autoproduzione, quindi non più Edizioni Sido. La seconda è l’assenza di plastica nel packaging e nella rilegatura. Per evitare di contribuire all’iper-produzione di plastica, Anastasio ha optato per un packaging cartaceo e sull’eliminazione della spirale. I fogli potranno essere appesi a un chiodo grazie a un piccolo foro realizzato su ogni pagina. E infine le grafiche, il 2021 sarà principalmente 3D.

https://lauraanastasio.bigcartel.com/

4. CONCERTO ON DEMAND DEI GORILLAZ DA REGALARE PER SOSTENERE LA MUSICA LIVE

Gorillaz Song Machine Live From Kong

Il 12 e il 13 dicembre i Gorillaz hanno regalato ai propri fan tre enormi show trasmessi in 111 Paesi del mondo in esclusiva su LIVENow, una nuova rete di distribuzione di contenuti e una piattaforma di marketing che fornisce soluzioni pay-per-view flessibili per eventi live, quali sport, concerti, spettacoli teatrali, talk, educational e lifestyle, aiutando le persone a vivere l’esperienza e l’emozione degli eventi dal vivo in un modo nuovo ed entusiasmante. A grande richiesta, è disponibile per la visione on demand lo spettacolo di chiusura del Song Machine Live che ha mescolato emozionanti performance dal vivo e animazioni di Jamie Hewlett ed effetti AR, con la band Gorillaz di 14 elementi, guidata da Damon Albarn con 2DNoodleMurdoc Niccals e Russel Hobbs. Si sono uniti sul palco diversi ospiti speciali tra cui Robert SmithLeee JohnKanoPeter HookGeorgiaslowthaiSlaves e Sweetie Irie, più altri, tra cui BeckFatoumata Diawara ed Elton John, che si sono uniti virtualmente alla festa. Il tutto mentre la più grande band virtuale al mondo si esibiva dal vivo – per la prima volta dal 2018 – con fan collegati da oltre 111 Paesi del mondo. Direttamente dai Kong Studios di Londra, i Gorillaz hanno portato la loro musica, gioia ed esuberanza nelle case dei loro fan.

https://www.live-now.com/it-it/page/sign-up?origin=playerpage&id=321823

5. E-CARD SOLIDALE CON ILLUSTRAZIONE DI OLIMPIA ZAGNOLI

Olimpia Zagnoli, Naso naso

Un sorriso da (non) scartare è un dono solidale contactless, virtuale e artistico ideato da Magicaburla Onlus, associazione di clownterapia impegnata nel portare il sorriso ai bambini negli ospedali di Roma. A pochi giorni dal Natale bastano pochi clic per fare una donazione e inviare ai propri cari una e-card solidale con l’illustrazione, da conservare e stampare, creata dall’artista Olimpia Zagnoli. Potente e colorata come è nello stile dell’illustratrice (che ha firmato, tra le altre cose, anche alcune copertine del New York Times), si intitola Naso naso ed è un omaggio al naso rosso dei clowndottori. “Sono molto felice di poter contribuire con così poco, un disegno fatto nell’intimità del mio studio a Milano, a un progetto che invece fa così tanto”, commenta Zagnoli. “Un disegno per celebrare quelle persone che tutti i giorni si armano di naso rosso ed escono da loro stessi per entrare nella vita di tanti bambini bisognosi non solo di cure, ma anche di una grossa risata”. È sufficiente collegarsi al sito, inserire la mail del destinatario e firmare il biglietto virtuale. Due le opzioni: insieme ai propri auguri si può inviare l’illustrazione singola (donazione minima 20 euro) o la composizione con tre illustrazioni (donazione minima 45 euro). Le donazioni supportano il lavoro dei clowndottori di Magicaburla Onlus, attiva dal 2008, all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, al Policlinico Tor Vergata e al Sant’Eugenio. E, durante l’emergenza coronavirus, anche “a distanza” con le videochiamate ai piccoli pazienti.

www.magicaburla.it/il-tuo-regalo-solidale

Dati correlati
AutoriOlimpia Zagnoli, Jonathan Monk
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).