Pubblicato il bando per cercare il nuovo direttore per l’architettura del museo MAXXI

Il nuovo direttore del Dipartimento Architettura, che prenderà il posto di Margherita Guccione, avrà davanti tante sfide. Due su tutte? La programmazione della sede dell’Aquila e il progetto Grande MAXXI.

Il Maxxi e Piazza Alighiero Boetti
Il Maxxi e Piazza Alighiero Boetti

Presto il MAXXI di Roma – assieme alla sede dell’Aquila afferente alla medesima area Architettura – avrà un nuovo direttore. La Fondazione MAXXI ha pubblicato un avviso di selezione “per procedere al reperimento di una professionalità elevata cui affidare l’incarico di direttore del Dipartimento Architettura”. Diretto dal 2013 da Hou Hanru, il museo romano dedicato alla creatività contemporanea è, infatti, diviso in quattro dipartimenti: MAXXI Arte, diretto dal 2016 da Bartolomeo Pietromarchi, MAXXI Ricerca, Educazione, Formazione; MAXXI Sviluppo e, infine, MAXXI Architettura, attualmente diretto da Margherita Guccione.

MAXXI Museo Nazionale Delle Arti del XXI secolo ph. Musacchio Ianniello
MAXXI Museo Nazionale Delle Arti del XXI secolo ph. Musacchio Ianniello

MARGHERITA GUCCIONE DIRETTORE MAXXI ARCHITETTTURA USCENTE

Il nuovo direttore andrà a sostituire l’architetto Margherita Guccione (Roma, 1953), rientrata da un anno a capo della sezione architettura del MAXXI, dopo una breve esperienza da Direttore Generale per la Creatività Contemporanea (DGCC) del Ministero della Cultura: in questa veste ha promosso in poco tempo progetti innovativi di peso per l’arte, la fotografia contemporanea e la rigenerazione urbana. Lasciato l’incarico a Onofrio Cutaia per andare in pensione, Guccione è stata nuovamente nominata nel gennaio 2021 Direttore del MAXXI Architettura che aveva già diretto per dieci anni, curandone la programmazione scientifica e l’attività culturale. Un antico amore, avendo seguito su incarico del Ministero la realizzazione del museo, progettato da Zaha Hadid fin dagli inizi nell’anno 2000 e poi aperto nel 2010, con l’elaborazione del progetto culturale del Museo di architettura.

Aldo Rossi. L’architetto e le città. Exhibition view at MAXXI, Roma 2021. Photo credit Musacchio, Ianniello, Pasqualini. Courtesy Fondazione MAXXI
Aldo Rossi. L’architetto e le città. Exhibition view at MAXXI, Roma 2021. Photo credit Musacchio, Ianniello, Pasqualini. Courtesy Fondazione MAXXI

MAXXI ARCHITETTURA. REQUISITI RICHIESTI DAL BANDO

Il nuovo responsabile avrà l’incarico “di promuovere e divulgare la conoscenza, la ricerca e lo studio dell’architettura e del design del XX e del XXI secolo, anche attraverso l’attività espositiva e il centro archivi di architettura, e di promuovere l’accrescimento, la conservazione e la valorizzazione della collezione permanente di architettura e design”, si legge nel testo del bando. Tra i requisiti richiesti, “una laurea specialistica o magistrale, ovvero, diploma di laurea conseguito secondo l’ordinamento didattico previgente al regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3.11.1999, n.509, ovvero titolo di studio equivalente conseguito all’estero”; e poi “particolare e comprovata qualificazione professionale nella direzione di musei, o comunque di istituzioni culturali, pubbliche o private, che abbiano tra le proprie finalità istituzionali la cura e la promozione delle espressioni dell’architettura contemporanea; adeguata specializzazione, comprovata da studi, ricerche, pubblicazioni ed altre esperienze in ambito nazionale e internazionale; adeguata esperienza sia in Italia che all’estero in attività di organizzazione e promozione dell’architettura contemporanea”. La retribuzione non è esplicitata nel testo del bando, che accenna invece a un “trattamento economico e normativo stabilito dal vigente CCNL Dirigenti Industria Confindustria-Federmanager, e successive modificazioni e integrazioni”.

MAXXI L'Aquila, Palazzo Ardinghelli
MAXXI L’Aquila, Palazzo Ardinghelli

LE SFIDE DELL’INCARICO DI DIRETTORE DEL MAXXI ARCHITETTURA

L’incarico, rinnovabile con un contratto a tempo determinato, avrà durata di 36 mesi e sarà pieno di sfide. Come dimostrano i numerosi progetti in corso, a partire dall’avvenuto raddoppio della sede dell’Aquila nel maggio scorso nel settecentesco Palazzo Ardinghelli, dove ha già ottenuto ottimi risultati sia in termini di programmazione che di pubblico. E poi, soprattutto, la recente presentazione dell’ambizioso progetto Grande MAXXI con cui la Fondazione MAXXI si impegna a traghettare la casa madre romana verso il futuro: si tratterà di progettare un nuovo edificio, o meglio, ridisegnare il fronte nord del lotto di pertinenza dell’ente museale, per il quale è stato indetto un Concorso Internazionale di Idee, rivolto a gruppi di progettazione multidisciplinari, proprio per la molteplicità delle funzioni da coniugare. “La formula del concorso di idee è stata una scelta, non solo obbligata dalla norma, in attesa della effettiva disponibilità del finanziamento, ma è soprattutto una decisione consapevole in linea con la nostra convinzione che solo con il confronto di idee diverse possa far emergere quella migliore da sviluppare e da trasformare in realtà”, ci aveva spiegato allora Guccione. “Il concorso è uno strumento efficace e democratico, dà spazio ai talenti, stimola la creatività dei progettisti di rispondere a temi nuovi e sfidanti come questi”. C’è tempo fino al 26 aprile 2022 per partecipare al bando, inviando la domanda per posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected].

– Claudia Giraud

Vai al bando del MAXXI 

Eventi d'arte in corso a Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).