Apre la Glassell School, scuola del Museum of Fine Arts di Houston progettata da Steven Holl

L’edificio sorge nel grande campus del museo texano, e accoglie al suo interno studi, gallerie e spazi dedicati ad artisti e studenti di tutte le età. Inaugurata anche The Brown Foundation Plaza, piazza progettata da Deborah Nevins in cui è installata una scultura di Anish Kapoor

Night view of the Glassell School of Art by Steven Holl Architects, west elevation. Photograph © Richard Barnes
Night view of the Glassell School of Art by Steven Holl Architects, west elevation. Photograph © Richard Barnes

Un edificio di oltre 8.700 metri quadrati immerso in un campus che ne misura 56mila, la cui riprogettazione si concluderà entro il 2020 per un investimento di 450milioni di dollari (di cui 400 ottenuti grazie a una raccolta fondi) con il coinvolgimento di architetti del calibro di Steven Holl e Deborah Nevins. Stiamo parlando dell’ambizioso progetto del Museum of Fine Arts di Houston, istituzione culturale texana che recentemente ha inaugurato la nuova sede della sua scuola d’arte, la Glassell School, e The Brown Foundation Plaza, piazza che sorge all’interno del campus del museo che accoglie le installazioni degli artisti Anish Kapoor e Eduardo Chillida.

LA GLASSELL SCHOOL…

La prima scuola del Museum of Fine Arts risale al 1927, ovvero 3 anni dopo la fondazione dell’istituzione. La Glassell School of Art è stata inaugurata nel 1979, in seguito a un lascito da parte dell’amministratore Alfred C. Glassell Jr., impegnato nella promozione culturale del museo. Oggi la Glassell School of Art è l’unica scuola “museale” negli Stati Uniti con programmi rivolti a studenti di tutte le età, dai bambini di 3 anni agli adulti. Progettata da Steven Holl, la nuova Glassell School si presenta con una struttura a forma di L, il cui tetto è interamente percorribile attraverso una passerella. L’edificio di 8.700 metri quadrati accoglie 36 studi, tutti illuminati con luce naturale e progettati per ospitare più di 8.500 bambini e adulti all’anno, gallerie adibite a ospitare mostre, una scala centrale che funge da forum della scuola, un auditorium da 75 posti e un bar pubblico. “Il nostro edificio per la Glassell School è una parte fondamentale della strategia complessiva per modellare gli spazi pubblici dell’intero campus”, spiega Steven Holl.“I pannelli alternati in cemento e vetro creano una porosità tra l’interno e l’esterno e gli spazi di raccolta, tra cui il tetto scorrevole e inclinabile dell’edificio, e offrono una vista spettacolare del quartiere e dello skyline della città”.

…E IL CAMPUS

Oltre alla Glassell School, il campus del Museum of Fine Arts si arricchisce anche della Brown Foundation Plaza, piazza progettata da Deborah Nevins & Associates in collaborazione con Nevins & Benito Landscape Architecture. La piazza è composta da una fontana, da un’area salotto e da due monumentali sculture: Cloud Column(1998-2006), opera in acciaio inossidabile alta quasi 10 metri di Anish Kapoor, e Song of Strength(1966), lavoro in granito di Eduardo Chillida. Entrambe le opere collegano idealmente gli edifici della scuola e del museo, fungendo da “fulcro tra i due spazi”, come spiega il direttore del Museo Gary Tinterow.

– Desirée Maida

www.mfah.org

 

Dati correlati
AutoreSteven Holl
Generiarchitettura, didattica
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.