Concattedrale di Gio Ponti. A Taranto un appello contro il degrado dello storico edificio

L’opera meno conosciuta di Gio Ponti presenta segni di incuria. La Diocesi di Taranto sta provvedendo da anni da sola alla manutenzione. Nasce il dibattito in Puglia: un convegno potrebbe darle nuova visibilità?

La Concattedrale di Gio Ponti a Taranto
La Concattedrale di Gio Ponti a Taranto

È considerata un capolavoro di architettura italiana del Novecento, ma attualmente la Concattedrale di Taranto di Gio Ponti (Milano, 1891 – 1979)– una delle ultime opere del grande architetto e designer lombardo che ha costruito in Italia e in tutto il mondo, fondatore e direttore di Domus – non si presenta nel suo aspetto migliore, a causa di una serie di lesioni e segni di incuria su parte dello stabile. Così, suona come una richiesta di pronto intervento quella lanciata da Marco Romanelli – critico, storico, architetto, designer studioso pontiano da decenni e stretto collaboratore della figlia di Ponti, Lisa, che oggi ha 95 anni – sulle colonne dell’edizione barese di La Repubblica per la firma di Lorenzo Madaro. “Bisognerebbe fare qualcosa”, dichiara Romanelli, “non solo per ripulirla dal degrado in cui versa e per un restauro filologico, ma anche per garantire la conoscenza di questo bene, anzitutto ai tarantini. Un convegno potrebbe aiutare”.

La Concattedrale di Gio Ponti a Taranto
La Concattedrale di Gio Ponti a Taranto

I PRIMI PASSI DURANTE LE GIORNATE DEL FAI

In realtà, un piccolo passo per farla conoscere ai suoi concittadini è stato fatto durante le Giornate FAI del 25 e 26 marzo scorsi, quando i giovanissimi “ciceroni” delle scuole superiori della città hanno accompagnato i visitatori a scoprire questa imponente struttura in calcestruzzo traforato, con delle grandi vasche d’acqua antistanti, concepite come parte integrante dell’edificio. Attualmente sono vuote, anche se proprio in occasione dell’incontro del FAI gli addetti all’igiene urbana del Comune avevano provveduto a ripulire dall’acqua stagnante le vasche, le aiuole e lo spazio circostante – di competenza comunale -, come auspicava la Diocesi tarantina, la cui pertinenza riguarda invece l’immobile, che non è rimasta con le mani in mano in questi anni.  L’edificio, costruito tra il 1967 e il 1970 con una vela-facciata al posto della cupola alta 53 m sopra la chiesa, è stato infatti commissionato a Gio Ponti durante il Concilio Vaticano II dal Vescovo di Taranto, Mons. Guglielmo Motolese, ma a causa dei materiali utilizzati si è reso necessario un restauro ad appena trent’anni dalla conclusione della costruzione.

LE PAROLE DELL’ARCIVESCOVO

E a seguirne altri: “Da sempre comprendiamo l’importanza e il pregio dell’opera e da circa vent’anni a questa parte abbiamo avviato una lottizzazione di lavori che mirano alla salvaguardia e contemporaneamente all’ininterrotta fruizione dell’edificio di Ponti”, scrive l’attuale Arcivescovo di Taranto Monsignor Filippo Santoro in una lettera aperta sulla pagina locale di La Repubblica, in risposta alla denuncia del quotidiano sullo stato di degrado in cui versa parte dell’edificio. “Abbiamo restaurato completamente la vela, lì dove proprio il vostro articolo rammentava il desiderio di Ponti di far accomodare gli angeli, abbiamo praticato lavori di consolidamento e messa in sicurezza di una delle più audaci architetture del Sud Italia”. Una serie di interventi mirati, a carico esclusivamente della Diocesi, utilissimi ma poco recepiti dall’esterno e che forse un convegno, una giornata di studi o una mostra dei progetti di Ponti potrebbe aiutare a darne visibilità, incrementando così risorse e soggetti disposti a intervenire sul restauro.

– Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).

1 COMMENT

  1. Cattedrale di GIO ‘Ponti.A Taranto. Un appello contro il degrado dell’edificio

    Una triste storia quella della concattedrale a Taranto.
    È iniziata da quando è stata costruita con le critiche di molti a cui non era piaciuta ed é continuata con il progressivo degrado delle vasche e delle aiuole che sono l’indispensabile completamento del progetto.
    Potrà essere utile un convegno se presentato in una città in cui il disinteresse di molti si accompagna a quello di chi la governa?

LEAVE A REPLY