Orticola di Roma. Tre giorni di meraviglie floreali tra arte e letteratura

Dal 1996 esiste Orticola a Milano, adesso approda anche a Roma. Sarà possibile seguire percorsi floreali ad hoc dentro la Galleria Borghese, la Galleria Nazionale di Arte Moderna e il Museo di Villa Medici, per ammirare con “occhio botanico” le opere esposte

Orticola di Roma Scalinata Trinità dei Monti
Orticola di Roma Scalinata Trinità dei Monti

Il 6, il 7 e l’8 maggio 2022 si svolge la prima edizione di Orticola di Roma: la Mostra Mercato dedicata all’eco-sostenibilità, alla promozione del patrimonio paesaggistico e alla floricoltura. Orticola di Roma si muove sulla scia della manifestazione omonima di Milano, che festeggia quest’anno 25 anni. L’organizzazione tuttavia non è la stessa. Le due città, in maniera indipendente, condurranno alla scoperta di giardini segreti e curiosità botaniche. Vivaisti da ogni parte d’Italia allestiranno stand, offrendo l’occasione d’immergersi nel variegato mondo vegetale. Dal 23 aprile all’8 maggio anche Genova partecipa ad una fiera green: si tratta di Euroflora, che da oltre 50 anni, in primavera, espone fiori e opere d’arte in contesti suggestivi come i Parchi e i Musei di Nervi, tra oasi incantate con vista sul mare. Quattro i focus dello spring-show secondo l’organizzatore Andrea Amoruso Manzari: il verde, l’arte, la mobilità sostenibile e il lusso.

Orticola di Roma La Fleur Velvet Slamp

ORTICOLA DI MILANO

Il nome della manifestazione romana è lo stesso della milanese, nata 25 anni fa. Dal 1996 per lo sviluppo delle aree verdi cittadine, Orticola di Lombardia e il Comune di Milano collaborano nella realizzazione di orti, vetrine fiorite, laboratori, incontri, decò floreale e non da ultima la mostra ai Giardini Pubblici Montanelli, i cui proventi sono atti alla riqualificazione di moltissime aree verdi della città.  È così che il Museo Civico di Storia Naturale è stato dotato di un impianto di irrigazione e di esemplari rari tra cui il Lino e l’Acaena microphylla della Nuova Zelanda, l’Ophiopogon japonicus, il mughetto rosa del Giappone e il sempreverde Silver Queen. Il tour FuoriOrticola passa tra i giardini milanesi più esclusivi come l’Orto Botanico di Brera e gli Orti condivisi di via Padova e fuori città per una gita sul Lago di Como e nei giardini di Villa Melzi d’Eril a Bellagio e di Villa Monastero a Varenna; oppure, sull’altra sponda, a Villa Carlotta a Tremezzina, con percorsi sensoriali alla scoperta del suo patrimonio botanico, fino al Castello di Miradolo a Pinerolo.

Orticola di Roma Innbamboo
Orticola di Roma Innbamboo

DA L’HOTEL DE RUSSIE A PIAZZA DI SPAGNA

A Roma, invece, mentre nel giardino dell’Hotel de Russie si riuniranno sponsor e celebrieties, via Condotti e Piazza di Spagna si vestiranno di colonne adorne e fioriere create dai più prestigiosi Floral Decorator di Roma, inoltrando i passanti in una shopping experience tra boutique colorate e profumi.
La passeggiata continua a Villa Borghese, dove accanto a tillanzie, orchidee, piante carnivore, bulbi odorosi, oltre 30 espositori esibiranno un mix eclettico di pezzi di design, accessori da giardinaggio e abiti. Tra gli altri: Innbamboo the original con capi in fibre green e Tulipani Neri con stoffe decorate a stampa botanica, bijoux e una linea di lampade sostenibili, ispirate ad Alice nel Paese delle Meraviglie. Il 7 e l’8 maggio il FAI propone una visita all’Acquedotto Vergine che dà acqua alla Barcaccia e a Fontana di Trevi, attraverso la discesa della nota Scala a Chiocciola del XV secolo, oltre 100 gradini sotto Villa Medici, della quale si potrà visitare anche il bosco, l’apiario e il labirinto. 

Orticola di Roma Innbamboo
Orticola di Roma Innbamboo

TRA GALLERIA BORGHESE E GALLERIA NAZIONALE

Sarà inoltre possibile seguire percorsi floreali ad hoc dentro la Galleria Borghese, la Galleria Nazionale di Arte Moderna e il Museo di Villa Medici, per ammirare con “occhio botanico” le opere esposte. Non solo arte, ma anche letteratura: nel programma di Orticola uno spazio sarà dedicato all’editoria verde, con letture botaniche presso la Nicla Edizioni, nata intorno alla community dell’Horticultural System italiano. Queste ed altre iniziative perché le città più eleganti, salubri e ridenti sono quelle che non perdono mai il contatto con la natura. 

-Francesca de Paolis

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca de Paolis
Francesca de Paolis si è laureata in Filologia Moderna con indirizzo artistico all'Università La Sapienza di Roma, completando il proprio percorso con un CFA all'Istituto Europeo di Design. Collabora da alcuni anni con artisti e gallerie d'arte per la stesura di recensioni, comunicati stampa e fogli di sala. Amante della scrittura, dell'arte e della Neoavanguardia letteraria, sta scrivendo un saggio sui trovatori provenzali con un filologo della Sapienza.