Roberto Gualtieri vara la giunta a Roma. Miguel Gotor Assessore alla Cultura

Nella nuova giunta di centro sinistra – dopo una lunga contesa – la Cultura viene assegnata a Miguel Gotor, ex parlamentare, docente di Storia moderna all’Università degli Studi di Torino e autore di numerosi saggi

Roma
Roma

Pronta dopo molte settimane di ritardo la giunta del sindaco Roberto Gualtieri a Roma: Miguel Gotor è assessore alla cultura. Non semplice è stato sciogliere il nodo della Cultura, assessorato dal peso davvero significativo a Roma; un posizionamento che ha creato non pochi malumori, per una delega contesa e ambita dalla corrente areadem del Ministro Dario Franceschini. Ad aggiudicarsi la nomina alla fine è stato l’ex parlamentare vicino a Pierluigi Bersani e docente universitario di storia, mentre le ipotesi avanzate negli scorsi giorni avevano riguardato tra gli altri Pino Battaglia (Segretario particolare del MiC) e Marino Sinibaldi, giornalista, critico letterario e conduttore radiofonico. Ad affacciarsi tra i nomi papabili era stato anche quello di Giovanna Melandri (ex ministro per i beni e le attività culturali e presidente della Fondazione MAXXI di Roma), salvo poi smentire lei in prima persona l’eventualità. Gotor prende il posto dell’assessore Lorenza Fruci, eletta a inizio del 2021 dalla precedente Giunta Raggi a seguito di un rimpasto elettorale dove era saltato l’assessore Luca Bergamo.

Miguel_Gotor al Festivaletteratura-2012-ph.-Niccolo-Caranti.
Miguel_Gotor al Festivaletteratura 2012 ph. Niccolo Caranti.

CHI È MIGUEL GOTOR, NUOVO ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA

Miguel Gotor è nato a Roma nel 1971. Storico e politico, è docente di Storia moderna all’Università degli Studi di Torino, si occupa di santi, eretici e inquisitori tra Cinque e Seicento e di storia degli anni Settanta del Novecento. Ha pubblicato saggi di storia moderna e contemporanea, tra cui Santi stravaganti. Agiografia, ordini religiosi e censura ecclesiastica nella prima età moderna, Roma, Aracne, 2012, Chiesa e santità nell’Italia moderna, Roma-Bari, Laterza, 2004, I beati del papa. Inquisizione santità e obbedienza in età moderna, Firenze, Leo S. Olschki, 2002, (vincitore ex equo del premio internazionale Desiderio Pirovano 2003), L’Italia nel Novecento. Dalla sconfitta di Adua alla vittoria di Amazon, Torino, Einaudi, 2019, Io ci sarò ancora. Interventi sul delitto Moro e la crisi della Repubblica, Roma, Paper prist, 2019; ha inoltre curato il volume Lettere dalla prigionia di Aldo Moro, con cui ha vinto il premio Viareggio per la saggistica nel 2008. Nel 2013 è stato eletto al Senato nelle fila del Partito democratico. Nel 2017 ha aderito al gruppo parlamentare Articolo 1 – Movimento democratico e progressista, movimento politico che poi è entrato a fare parte di Liberi e uguali. Alle elezioni politiche del 2018 si è candidato alla Camera dei deputati con Liberi e Uguali, senza risultare eletto. Ha collaborato alle pagine politiche e culturali dei quotidiani La StampaIl Sole 24 ore e, dal 2020, scrive su la Repubblica e sul settimanale L’Espresso.

GIUNTA GUALTIERI: GLI ASSESSORATI ALL’URBANISTICA E AL TURISMO

Oltre a Gotor e al suo staff, una spinta importante alla storia e alla vita culturale della città sarà data dall’assessorato all’urbanistica, che nella nuova giunta Gualtieri viene affidato a Maurizio Veloccia, ex minisindaco e appena uscito dallo staff del governatore Nicola Zingaretti. Veloccia, laureato in Ingegneria Elettronica e Gestione delle Aziende Sanitarie, si è avvicinato alla politica fin da giovane attraverso il volontariato civile, arrivando ad essere eletto nel 2013 Presidente del Municipio XI durante l’epoca di Marino. Alessandro Onorato, invece, avrà la delega al Turismo, allo sport e ai grandi eventi. Selezionato dalla Lista Civica per Gualtieri di cui è stato coordinatore (mentre in precedenza aveva ricoperto il ruolo di consigliere comunale della lista Marchini) Onorato è imprenditore della ristorazione, principale attività che porta avanti a fianco dell’impegno politico.

-Giulia Ronchi

Eventi d'arte in corso a Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.